Come difendersi dalle fake news sull’alimentazione infantile

Mio figlio Thiago, fino all’anno e mezzo, non ha mai dormito più di tre ore consecutive.

Adesso che è più grande ho capito che ha solo il sonno leggero. Sette anni fa ero quasi preoccupata che avesse qualcosa che non andava e in quel periodo i consigli sull’alimentazione si sprecavano.

Mi avevano consigliato le patate a tre mesi per riempirlo perché probabilmente il mio latte non era abbastanza sostanzioso (!!), mi avevano sconsigliato glutine, di eliminare i latticini e chi più ne ha più ne metta.

Era una ricerca di un problema che non esisteva.

L’alimentazione dei bambini:

Se è vero che la scelta del cibo è importantissima per la salute, è anche vero che le fake news sull’alimentazione, soprattutto dei bambini, possono essere dannose.

Divulgare informazioni confuse o sbagliate su questo tema può avere un impatto diretto sulla salute futura del bambino, con il rischio di impattare sulla sua salute futura.

Il latte materno che con il tempo non è abbastanza sostanzioso, la carne che fa male, il bambino che, tanto quando cresce si allunga, quindi non è un problema se è sovrappeso: sono tante le bufale che riguardano l’alimentazione dei bambini nella primissima infanzia.

Allattamento e svezzamento, tuttavia, sono fasi molto delicate e affidarsi all’enorme quantità di informazioni che si trovano sul web può essere pericoloso per la salute di oggi e di domani.

Prendiamone ad esempio l’allarme glutine. Sembra che sia il male, quando in realtà, se non si è celiaci, non c’è nessun motivo per evitarlo e comprare cibi senza glutine – tra l’altro molto costosi se non si hanno esenzioni per malattie certificate. Sarà il vostro pediatra a consigliarvi quando e come introdurre il glutine.

Se non si ha un problema, perché crearlo?

Per questo nasce Nutripedia – InformaTI per crescere – un progetto di cui faccio parte: uno spazio dedicato ad intercettare le fake news, grazie alla collaborazione tra esperti scientifici, divulgatori e genitori.

Vuole essere un’enciclopedia partecipata in continua evoluzione: man mano che le bufale sulla nutrizione infantile vengono rilevate vengono portate all’attenzione del grande pubblico per contribuire ad un’informazione corretta.

Non bisogna mai dimenticare che il bambino non è un adulto in miniatura ed è importante che segua una dieta specifica, in grado di supportare le sue esigenze di crescita in ogni fase dei primi 1000 giorni di vita. Non solo per quanto riguarda la tipologia di alimenti, ma anche le proporzioni.

2018-11-16T14:11:26+00:00

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.