Insegnare ai bambini il valore degli sbagli

Uno dei proverbi più famosi recita: “Sbagliando s’impara, e non a torto.

Sbagliare e sperimentare il senso di frustrazione che ne deriva permette di crescere e di sviluppare strategie efficaci per sopravvivere in un mondo complesso.

Gli errori hanno un grande valore e non dovrebbero mai essere soffocati o puniti.

Immaginate una mamma che non permette mai a suo figlio di sbagliare e quindi di sperimentare un limite o una delusione: quel bambino non acquisirà mai nuove competenze.

Ma soprattutto come farà quando sarà grande (e non ci sarà più la sua mamma a “proteggerlo”) quando si troverà davanti ad una porta chiusa? Probabilmente non sarà in grado di aprirla, e si sentirà perso, perché non ha mai sperimentato nulla di simile, quindi non avrà i mezzi per superare frustrazioni, delusioni, difficoltà.

Maria Montessori sosteneva che l’errore commesso e auto corretto in modo autonomo porta all’indipendenza, alla creatività e alla crescita sana.

Come insegnava Maria Montessori: “Noi vedremo come il bambino lavori da sé al proprio perfezionamento. La strada giusta gli è indicata non solamente dagli oggetti che adopera, ma altresì dalla possibilità di riconoscere da soli i propri errori per mezzo di questi oggetti”.

I bambini, quindi, devono imparare attraverso l’errore a scrivere il proprio nome, a infilarsi le scarpe, ecc. soltanto in questo modo potranno crescere in modo sano.

 

  • Fare, sbagliare e rifare

Un mantra che tutti i genitori dovrebbero ripetere a se stessi e ai loro bambini. La strada del successo non passa attraverso la perfezione, ma attraverso gli errori e i fallimenti che se utilizzati in modo costruttivo -rifletto e cerco di capire in che cosa ho sbagliato, così la prossima volta non sbaglierò’ più (o sbaglierò diversamente).

 È chiaro che si desidera sempre il meglio per i propri figli, ma bisogna fare attenzione, perché educare alla perfezione può essere deleterio e pericoloso.

Il perfezionismo non è la chiave della felicità e viola i diritti dell’infanzia.

Bisogna lasciare che realizzino i loro desideri, permettendo loro anche di sbagliare, con la certezza di trovare in noi adulti la giusta comprensione.

  • La strada per il successo

Non si devono etichettare i propri figli e non si può pretendere, né da se stessi, tanto meno dai bambini, che non sbaglino mai.

Solo con la comprensione, l’autostima e la fiducia si possono affrontare gli errori che inevitabilmente si commettono nella vita. Si cade, ma ci si rimette in sella.

Non a caso la caratteristica che accomuna le persone di successo è la capacità di sapersi rialzare dopo un errore. Sbagliano e vanno avanti, senza perdere la determinazione e l’entusiasmo. Questo è il miglior insegnamento che si possa dare ai propri figli.

2018-09-26T23:33:19+00:00

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.