Seguire una dieta, perdere peso e dimagrire a volte è più una questione mentale che di apporto calorico.

 

Perdere peso – Ogni persona ha un rapporto particolare con il cibo: ci sono quelli che lo vivono come una compensazione, chi si sfoga mangiando nei momenti di stress e altri a cui si chiude lo stomaco quando soffrono o sono nervosi (io).

come-dimagrire-cambiando-abitudini-casa-desktop-1200x425

Il cibo ha spesso una connotazione emotiva: ci si riunisce intorno al tavolo con la famiglia o gli amici e inevitabilmente durante il pasto fanno da cornice le emozioni di chi vi partecipa: tensioni, discussioni, festeggiamenti e chiacchiere. Così il cibo oltre che mezzo di sostentamento acquista un significato emotivo, spesso responsabile degli aumenti di peso e delle fami incontrollabili.

Per perdere peso non ci sono segreti, ma abitudini – sia pratiche che psicologiche – che aiutano a mantenere stabile il proprio peso corporeo ed avere un rapporto equilibrato con il cibo. Mi piacerebbe condividere con voi un programma di benessere da qui fino all’estate, non solo per perdere peso ma per allenarsi a prendersi cura di sé soprattutto con il cuore.

Trucchi psicologici per perdere peso:

1- Obbiettivi reali: bisogna fare anche i conti su come si è di costituzione e neppure pensare di perdere dieci chili in un mese. Perché se si hanno aspettative irreali queste verrano ovviamente disattese, la persona si sentirà frustrata e si sfogherà (probabilmente) sul cibo.

2- Se dimagrisco… trovo il fidanzato. No al pensiero magico: Se dovete dimagrire fatelo per voi. Non per trovare il fidanzato o un lavoro migliore. E non è detto che perdendo peso il mondo intorno a voi diventerà migliore.

3- Una cosa al giorno, che vi piace: Seguire una dieta, soprattutto per chi trova nel cibo soddisfazione, può essere molto frustrante. Perciò fate tutti i giorni qualcosa che vi piace, questo è un esercizio per trovare appagamento in cose che non riguardano la sfera alimentare e compensare la frustrazione che la dieta comporta in alcune persone.

4- Una piccola trasgressione alimentare al giorno: questo è utile sia per abbandonare il pensiero dicotomico del tutto o nulla “se sgarro è tutto perduto”, sia per compensare la sensazione di restrizione e sacrificio che crea una dieta.

5 – prendere confidenza con il proprio corpo. Il gesto di massaggiarsi, con una crema o con il bagnoschiuma sotto la doccia, sembra apparentemente banale. Il massaggio in realtà è un gesto che significa prendersi cura di sé, coccolare ed entrare in contatto con il proprio corpo. Anche con quelle parti che si vorrebbero cambiare e in quei punti dove si vorrebbe perdere peso.

 Cosa ne pensate?