Lettera a una futura mamma: niente sarà come prima.

schermata-2016-12-18-alle-12-38-34

Quando aspettavo il mio primo figlio, promettevo a me stessa, che non sarebbe cambiato niente. Che non avrei trascurato la coppia, il lavoro, gli amici. Che tutto sarebbe rimasto come prima.

La verità è che dopo i figli cambia tutto, ma in modo così veloce che tu, dopo circa una settimana, non ricorderai più come si viveva prima. O forse sì, te lo ricorderai, ma ti sembrerà un’altra vita, un’altra era.

E più tu ti opporrai al cambiamento più farai fatica, perché sarà come remare contro vento.

Lettera a una futura mamma: niente sarà come prima

All’inizio mi sforzavo persino di uscire una volta a settimana con le amiche. Mi tiravo il latte, lasciavo Thiago a Martin e con immensa stanchezza, e uscivo. Puntualmente dopo un’ora iniziavo a perdere il latte a fiumi. E  non vedevo l’ora di tornare a casa.

“Voglio tornare ad essere quella di prima.” pensavo.

Mi sentivo in ostaggio. In ostaggio delle mie tette. Ché se non toglievo il latte ogni due ore esplodevano.

Sotto ostaggio dei risvegli notturni e delle poppate.

La maternità ti cambia, c’è poco da fare. Riposiziona le tue priorità.

E le prospettive. Vedrai un po’ quante barriere architettoniche incontrerai spingendo un passeggino.

Poi però tutto passa e la nebbia si dipana. I bambini crescono. A posteriori sempre troppo velocemente. E c’è un momento in cui il tempo per te, lentamente, ritorna ad appartenerti.

Tu ritorni ad appartenerti.

Il tuo corpo ritorna a servire solo a te e puoi farci quello che vuoi. Sì, i tuoi figli penseranno spesso sia ancora di loro proprietà. Ma del resto anche noi pensiamo che loro siano la nostra parte migliore.

Puoi ritornare ad avere tempo per te. Potresti persiono uscire una sera con le tue amiche ed ubriacarti, come facevi ai vecchi tempi. Ma ti accorgerai che non sarà più come una volta. E lo capirai benissimo il giorno dopo, quando tuo figlio ti sveglierà, e tu vorresti dormire altre venti ore.

Ci sarà sempre una priorità che condurrà le tue scelte: i bambini. Ogni tua scelta sarà presa pensando sempre prima a loro.

Imparerai a ridimensionare alcuni problemi. Quando qualcuno ti farà arrabbiare, tornerai a casa e vedrai loro. A volte sarà naturale ridimensionare le incazzature. Altre volte dovrai fare un immenso sforzo perché non è giusto che i tuoi figli subiscano il tuo cattivo umore. E farà bene anche a te.

Quindi no, non sarà niente come prima. Ma se vorrai sarà sicuramente più bello.

Leggi anche:

Il femminile in gravidanza 

Le donne intelligenti non fanno figli 

Prima e seconda gravidanza differenze