Come sono finita a fare la blogger?

guarda un po’ come va la vita. 

Giovanni Zuccaro for Direzione Ostinata

Non ho mai pensato di fare la blogger. Non ci ho mai pensato perché non lo consideravo un lavoro serio.

Nemmeno quando all’università facevo la barista, la PR e fitting, consideravo tali occupazioni lavori seri.

Per me il lavoro vero è quello che scegli in base ai tuoi studi Universitari, quello che ti porta in ufficio tutti giorni, ad essere un po’ contento e a lamentarti un po’.

Perché alla fine, tutti quelli che hanno lavori seri, sognano una vita diversa, magari su un’isola come Ibiza.

Poi è arrivato un uomo, fuori dagli schemi e difficile da fermare, che dopo un figlio mi ha proposto di andare a vivere a Ibiza, lasciare i pesanti ingranaggi della burocrazia italiana e ricominciare da capo. Con nostro figlio e quello che da poco avevamo scoperto essere nella mia pancia.

Ho detto sì.

Ma anche le scelte più entusiasmanti prevedono dei compromessi. E il mio è stato lasciare la professione da psicologa, che mi dava un po’ di bastone, un po’ di carota e tanta fatica, come tutti i lavori seri prevedono.

Arrivata a Ibiza, senza sapere bene lo spagnolo e priva di senso dell’orientamento, con un bambino di tre anni e uno di due mesi  ho pensato di concentrarmi sul blog.

Più che altro per non farmi sopraffare dalla tristezza che arriva nel post parto e nei trasferimenti, quando lasci gli amici e il tuo lavoro serio.

Da quel momento, inaspettatamente, sono arrivate proposte e collaborazioni. Ho fatto cose che non avrei mai fatto, se avessi continuato con il mio lavoro serio.

Tipo:

Ho parlato in pubblico durante eventi.

Ho fatto uno spot televisivo per la Durex, dove proponevo a delle coppie un nuovo tipo di lubrificante.

Ho conosciuto tantissime persone e alcune sono diventate amiche.

La scorsa settimana ho anche presentato una sfilata: gli abiti in passerella erano di Envie de Fraise, un marchio di abiti premaman francese, pensati per essere indossati anche dopo.

E mi sono divertita tantissimo.

(Le tasse però si pagano anche nei lavori non seri).

Qui un po’ di foto dell’evento:

Giovanni Zuccaro for Direzione Ostinata

Chiara Fracassi for Direzione Ostinata

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Chiara Fracassi for Direzione Ostinata
Chiara Fracassi for Direzione Ostinata

Chiara Fracassi for Direzione Ostinata

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Giovanni Zuccaro for Direzione Ostinata
Giovanni Zuccaro for Direzione Ostinata

unspecified-1

Spesso penso che dovrei trovarmi un lavoro serio.

E continuo a dirmi che l’anno prossimo smetto.

O forse quello dopo.

Envie de Fraise

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]