Insegnare la solidarietà ai bambini

La bellezza della solidarietà non è solo l’atto di donare – un oggetto a chi ne ha bisogno, una mano a chi deve alzarsi, una spalla a chi cerca sostegno – ma è un modo di relazionarsi agli altri e alla vita.

Insegnare la solidarietà ai bambini non significa solo educare al gesto, pensare agli altri predispone all’empatia e alla consapevolezza.

 

Dal 16 al 17 Aprile, nei negozi Prenatal, ci sarà Banco per l’Infanzia.

Una raccolta di beni di prima necessità, organizzata da Mission Bambini, per i bambini in difficoltà in Italia.

Insegnare la solidarietà ai bambini:

Io ho aderito all’iniziativa e ho coinvolto mio figlio, il più grande.

La consapevolezza di altre realtà – fin da piccoli – non credo renda più “buoni” ma sicuramente rende le persone più responsabili.

Così, gli ho spiegato che ci sono bambini che non solo non hanno giochi, ma non hanno nemmeno da mangiare e dormire. E che noi, come i super eroi, potevamo aiutarli.

Perché effettivamente i super eroi una cosa fanno: aiutano gli altri. E per questo sono speciali.

unnamed-4

Così siamo andati nel negozio Prènatal che aderiva all’iniziativa e abbiamo scelto dei pannolini, delle salviette e dei body.

Li abbiamo messi nei sacchetti di Banco per l’Infanzia e li abbiamo  consegnati alla cassa del negozio Prènatal.

Siamo andati prima per esigenze di viaggio, la vera raccolta ci sarà dal 16 al 17 aprile.

unnamed-2

Insegnare la solidarietà ai figli:

Anche voi potete aderire all’iniziativa di Banco per l’infanzia con i vostri figli.

Potete raccontargli di altre realtà facendo qualcosa di concreto.

Farli sentire dei supereroi.

E ovviamente fare una buona azione.

I prodotti raccolti verranno distribuiti nel territorio, da Mission Bambini, a una rete di 130 organizzazioni no profit che operano nel settore della prima infanzia: asili nido, case di accoglienza e centri di aiuto alla vita.

Tutte le informazioni potete trovarle al sito banco infanzia

 

Post in collaborazione con Prenatal

2018-09-26T23:33:45+00:00

One Comment

  1. Mamma in città 15/04/2016 at 10:47 - Reply

    Grazie Elena per la condivisione di questa iniziativa di solidarietà! Noi ci saremo! 🙂

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.