Gli stereotipi di genere: il figlio maschio

Gli stereotipi di genere ci sono, sia al femminile che al maschile.

Sono intrisi nell’educazione, nella cultura. Per molti sono considerati la normalità, quando invece bisognerebbe rompere il soffitto di vetro, per rendere tutti più liberi. Uomini e donne.

IMG_7379

Stereotipi di genere. Al maschile:

Non piangere, sembri una femminuccia! -dove femminuccia è da leggere con un leggero tono dispregiativo –  E perché un maschio non può piangere? Se volete aiutare vostro figlio a gestire le proprie emozioni non lo farete certo dicendogli di non piangere. La rabbia e la tristezza non si risolvono così.

Per riuscire a non disperarsi, prima occorre capire i motivi che lo fanno piangere. E imparare a chiamare per nome le emozioni.

IMG_7377-2

Devi essere forte. Ma forte di cosa? A sollevare i pesi? No, di solito l’essere forte per un maschio equivale a non avere debolezze.

Per carità.

Questa è una doppia fregatura. Perché è impossibile non avere debolezze, e chi pensa che non sia virile averle, nel momento in cui si sentirà fragile non saprà cosa fare, quindi molto probabilmente reagirà in modo aggressivo.

L’unico modo che gli è stato concesso. Con se stesso o con gli altri.

IMG_7378-2

Non fare questo. E’ da femmina. Perché ai maschi, già da piccolissimi, sono preclusi tutti quei comportamenti che in qualche modo ricordano la femminilità. Già per i bambini, c’è una suddivisioni di giochi, di ruoli, di atteggiamenti e colori, ereditata da generazioni, che tengono gli uni da una parte e gli altri dall’altra.

Tutto questo fa male ai futuri uomini e alle future donne. 

Perché gli uomini non imparano a conoscersi, ma a doversi comportare secondo uno stereotipo. E se lo stereotipo c’è da una parte – quella maschile – viene poi rafforzato anche quello femminile.

Gli stereotipi di genere.

Il gioco da maschio: il calcio. Il gioco da femmine: le bambole, la cucina.

Gli uomini da una parte, le donne dall’altra.

I limiti non sono nel maschile e nel femminile, ma solo nella nostra testa.

Leon wears: Jackets – Chicco, shirt -nobrand, pants -Chicco, shoes -Chicco. 

Elena wears: cardigan – vicolo, jeans – Mango, shoes -Zara

Post in collaborazione con Chicco

2018-09-26T23:33:46+00:00

One Comment

  1. veroveromamma 08/03/2016 at 12:10 - Reply

    a me” non fare questo è da femmina …… “manda veramente in bestia…….
    ognuno hai suoi interessi e che cavolo….
    io giocavo a pallone e mi dicevano” non sta bene ad una signorina……. devi giocare con le barnie”…..
    forse è per questo che odio le barbie…..
    veronica

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.