Imparare l’inglese da piccoli

Si dice che per i bambini imparare una nuova lingua sia naturale. Secondo la mia esperienza è vero ma non sempre immediato.

Ad esempio, per mio figlio, a scuola è stato immediato parlare spagnolo, ma molto più lento l’apprendimento dell’inglese.

Cute little girl is drawing with pencils in preschool

 

A volte succede che i bambini rifiutino una lingua solo perché hanno paura di sbagliare, non riescono ad esprimersi come vorrebbero e si sentono frustrati.

Per aiutarli a superare il blocco c’è qualche strategia:

  • Non costringerlo ma incoraggiarlo sempre
  • Se ha paura di sbagliare fargli ripetere la stessa frase in modi diversi e buffi: ridendo, cantando, con la faccia arrabbiata.
  • Se commette degli errori non interromperlo ma aspettare che finisca la frase per correggerlo
  • Mostrargli la presenza della lingua inglese nel quotidiano: dai cartoni animati, alle parole importate nella lingua italiana.

Qualcuno dirà che è inutile stressare i bambini per imparare le lingue. Io penso che dipenda dal modo in cui questo viene fatto. E che imparare una nuova lingua abbia sempre dei vantaggi. Alcuni (molto) a lungo termine.

Imparare l’inglese da piccoli, vantaggi:

  • E’ più semplice
  • Puoi comunicare con tutto il mondo
  • Sapere l’inglese significa pensare in un’altra lingua: quando devi prendere una decisione è come avere un punto di vista in più

Le certificazioni per la lingua inglese sono degli esami che rilasciano un attestato sul livello di conoscenza della lingua anglofona.

Questi esami possono essere sostenuti anche da bambini della scuola primaria.

Qualcuno si chiederà perché un bambino debba affrontare un esame di inglese.

Ovviamente non è obbligatorio, ma su questo punto vi racconto un aneddoto.

Una cosa che mi ha sorpresa vivendo all’estero è che in alcune scuole inglesi o internazionali, prima di prendere un bambino, lo sottopongono ad una sorta di esame per valutare la sua conoscenza della lingua inglese. Il motivo è semplice: se il livello è troppo basso il bambino non viene ammesso per non rallentare la classe.

Giusto o sbagliato è così.

In questo caso ad esempio la certficazione è utile per l’iscrizione ad una scuola straniera.

Ma non solo:

  • per chi pensa di trasferisi all’estero e far frequentare ai figli una scuola internazionale o inglese
  • per accedere ad alcune Università o seguire un percorso universitario in lingua inglese – in Italia ci sono alcune facoltà che si possono frequentare in lingua straniera (Bologna, Roma, Perugia e Milano)
  • per il mondo del lavoro

Quali certificazioni per la lingua inglese scegliere?

educazioneglobale-Certificazioni-linguistiche-150x150

Cambridge English è un’organizzazione che fornisce certificazioni per la lingua inglese dai 7 anni in su.

Le sue certificazioni sono riconosciute in tutto il mondo. E in tutti i paesi in cui si parla inglese (Inghilterra, Nuova Zelanda, Canada, Sudafrica).

I plus di Cambridge English rispetto ad altre certificazioni è che non hanno scadenza – mentre altre dopo due anni perdono validità e vanno ripetute.

Per i young Learners ci sono tre livelli:

Starters,

Movers 

Flyers,

Come dicevo non c’è un tempo stabilito in cui dare gli esami o delle scadenze. Il primo esame si può sostenere a 7-8 o 10 anni e il secondo a 20.

Varia in base alle necessità e alle esigenze.

Quello che è vero è che la certificazione è un investimento sul futuro. E che chi bene comincia è già a metà dell’opera.

CE_4045_6Y02_Google_Ads_300x250px_LS_Italian

 

 

 

 

 

 

 

Post in collaborazione con Cambridge English

2018-09-26T23:33:45+00:00

One Comment

  1. MaxMi 04/04/2016 at 12:36 - Reply

    Una guida per orientarsi tra le principali tipologie di esame che certificano la conoscenza della lingua inglese

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.