Qui ad Ibiza ho notato una sostanziale differenza tra genitori italiani e genitori hippy, nell’approccio con i  figli, al parchetto. (E non solo)

IMG_0052

IMG_0054

IMG_0059

La panchina

Intanto non è difficile, a colpo d’occhio, abbinare genitori e figli.

Mentre la mamma italiana resta sempre ben adesa alle calcagna dei suoi bambini, per prevenire cadute e graffi vari, la mamma hippy siede placida su una panchina, leggendo un libro. Nemmeno cadute di testa dallo scivolo la distraggono dall’avvincente lettura. Eppure i suoi figli sopravvivono ugualmente.

IMG_0036

Naso che cola.

La mamma italiana, dalla più attenta all più spartana, quando il naso dei sui figli spurga melma, tenta di soffiare loro il naso, sempre che i piccoli non abbiano già provveduto a farlo in autonomia, utilizzando la manica della loro maglietta, pulita. Perché le maniche per i bambini servono a quello, no?

I bambini hippy li riconosci immediatamente: hanno le stalattiti verdi al naso, ben solidificate, che non possono pulirsi nelle maniche perché anche in inverno indossano una maglietta a maniche corte. E non si ammalano mai.

IMG_0061

Sono scalzi.

I bambini della mamma italiana, dall’abbigliamento, si riconoscono in lontananza. Non perché siano i meglio vestiti. I bambini italiani sono i più coperti di tutto il parchetto, mentre gli altri bambini, anche con 5 gradi centigradi, sono scalzi. O al massimo, indossano infradito. Come se fosse estate e fossero in spiaggia. (E probabilmente qualche bambino è in spiaggia e sta facendo il bagno).

I figli della mamma italiana al parchetto, anche con dieci gradi in più indossano un golfino in lana cotone, pantaloni in pile, felpa, calzini in lana e scarpe da ginnastica, termiche. Senza contare che lei, in borsa ha una felpa più pesante e una cerata in caso di repentini cambi di temperatura o temporali improvvisi.

Io ho provato a girare scalza, l’altro giorno, a casa mia. E mi è venuto il raffreddore.

T wears: sweaters – Chicco, jeans – Benetton, sneakers – Geox

L wears: sweaters – Zara, pants – Chicco, sneakers – Geox

stroller – Chicco trio Love

 

post in collaborazione con Chicco