Amori a distanza.

IMG_4731

 

La parte più difficile degli amori a distanza è che ogni volta, devi ripartire quasi da zero. Quando si sta insieme si conquista un equilibrio ma dopo la distanza, non riparti dal punto in cui ti sei lasciato, torni indietro. Perché nel frattempo, mentre si è lontani, si vivono vite diverse e non si è allineati. Per avere un pensiero che cammina allo stesso ritmo e capirsi, secondo me, bisogna vivere la stessa vita. Insieme.

Quando ci si ricongiunge ritrovare il ritmo non è sempre semplice.

Le relazioni:

Ad un rapporto non serve la quotidianità e la vicinanza continua per esistere: per me, nella quotidianità troppo serrata, si rischia di ricadere su se stessi e tarparsi le ali a vicenda.

I rapporti a distanza stimolano l’indipendenza, la realizzazione personale e la passione, quando va bene. Quando va male alimentano i vuoti, le gelosie, le insicurezze, le incomprensioni.

Sta alle persone viaggiare sempre sulla carreggiata giusta.

Amori a distanza

Gli amori a distanza, come tutti gli altri rapporti, possono essere delle grandi storie o degli enormi bluff. Tutto dipende dai protagonisti.

Gli amori a distanza, come tutti gli altri rapporti, sono difficili. Perché se stando sempre insieme si rischia di spegnersi e annoiarsi, stando troppo lontani si rischia di perdersi. Anche la comprensione reciproca è più complicata nei rapporti a distanza: vivendo vite diverse, si perdono sfumature importanti della quotidianità dell’altro.

L’amore a distanza può essere un momento della relazione o una scelta di vita. Secondo me, se nel patto implicito della coppia c’è la distanza, con tutte le difficoltà inverse ad un rapporto normale, potrebbe funzionare.

Ricordo un’intervista ad una donna centenaria: le chiedevano quale fosse il suo segreto di lunga vita. Aveva risposto “non sposarsi”.

Forse aveva ragione, l’amore consuma. Ma di qualcosa bisogna pur morire.