Le valigie.

Era appena passato Natale. Ero a New York.

Le-valigie
(La stazione di New York) 

Aveva nevicato.

E stavo facendo le valigie.

10391661_1299702891286_8313991_n
(vista dalla mia casa di New York) 

In quei giorni, vista la neve e la temperatura, uscivo solo per mangiare: andavo al bar sotto casa dove facevano chopped salad.

Vivevo in un monolocale – che faceva figo chiamare loft – sulla 42esima al 14esimo piano e avevo una vista che padroneggiava Manhattan, la linea internet e tanti pensieri.

Dovevo dividere le valigie: organizzare quelle che sarebbero tornate in Italia da sole, e quelle che sarebbero venute con me in Sud America.

Abitavo in quell’appartamento da pochi mesi eppure già dovevo lasciarlo.

Le valigie e le contraddizioni hanno sempre fatto parte di me. Desideravo una casa mia, un posto dove metter radici e una routine di cui lamentarmi. Ho sempre desiderato stabilità ma le mie scelte andavano solo nella direzione opposta.

 1917434_1325613019023_7675672_n
 (New York con la neve, in quei giorni)

Fuori nevicava e io facevo le valigie perché dovevo raggiungere Martin, in Brasile, per capodanno. Andavo da lui ma non mi fidavo.

“E’ l’ultima volta” mi dicevo.

Ma ormai non ci credeva più nessuno, l’avevo detto troppe volte “questa è l’ultima”, eppure finivo sempre a far una valigia per andare da lui e poco dopo un’altra (piena di fazzoletti) per tornare da me.

A New York c’era un altro, che avevo conosciuto da poco, che mi diceva: “resta con me, facciamo il Capodanno insieme, facciamo tante cose insieme”. E io gli dicevo “vediamo” ma sapevo che non era vero, che stavo andando.

E sono andata.

Non è stata l’ultima volta che ho fatto le valigie, ma mai più per ricominciare.

E proprio in questi giorni sto facendo, ancora una volta,  le valigie per tornare da lui.

E sempre in questi giorni ho ritrovato quello di New York su Facebook, e mi sono tornati in mente quei giorni, cosa sarebbe successo se non fossi andata. Come sarebbe la mia vita ora.

Ho provato ad immaginare ma non ci sono riuscita.

Va benissimo questa.

Ma a New York prima o poi devo tornarci.

Con tutta la famiglia, ovviamente.

DSCN0668