Il rientro a casa dopo il parto

Il rientro a casa dopo il parto. 

rientro-a-casa-dopo-il-parto

Il rientro a casa dopo il parto è un momento molto particolare. I miei rientri, dopo la nascita di Thiago e Leon, sono stati completamente diversi.

Con Thiago ero sconvolta.

Sconvolta dal dolore post operatorio del cesareo, sconvolta dal fatto che i neonati piangessero così tanto e dormissero così poco, sconvolta perché non riuscivo più nemmeno a pettinarmi.

rientro-a-casa-dopo-il-parto

rientro-a-casa-dopo-il-parto

Approcciarmi al mondo neonato è stato come incontrare un alieno.

rientro-a-casa-dopo-il-parto

rientro-a-casa-dopo-il-parto

Uscita dall’ospedale, solo sistemare l’ovetto in auto e chiudere il passeggino mi sembravano un’impresa eccezionale. Ma il bello doveva ancora venire.

Arrivata a casa ho diviso i compiti: il papà che aveva più confidenza con i piselli era l’addetto al cambio pannolino, alla medicazione del cordone e al bagnetto.

 

Noi non avevamo fatto nessun corso preparto e avevamo deciso di non farci aiutare da nessuno (illusi!). In realtà non sapevamo niente e dovevamo imparare tutto, anche banalmente chiudere un pannolino correttamente per evitare di ritrovarci il figlio fradicio dalla testa ai piedi.

rientro-a-casa-dopo-il-parto

Ricordo sere passate a capire come spegnere quell’allarme antincendio – un pianto inconsolabile – che si innescava senza preavviso e noi non sapevamo cosa fare o cosa pensare.

Spesso consultavamo Google senza alcun tipo di illuminazione. Per non parlare di tutti i consigli non richiesti che ci confondevano solo le idee e i figli degli altri che non piangevano mai e dormivano tutta la notte (e io che mi chiedevo, dove sbaglio?).

Con Leon è stato tutto diverso. 

rientro-a-casa-dopo-il-parto

 

Ho avuto un parto naturale, bellissimo. Senza nemmeno un punto grazie ad un’ostetrica (e a un po’ di fortuna) che mi aveva seguito durante la gravidanza e durante il parto.

IMG_1797Martin dopo il parto se n’era andato e io avevo davanti un’estate da sola, con due figli. Così ho chiamato per qualche giorno una puericultrice, per farmi aiutare.

 Avere una persona con cui confrontarsi (e ascoltare solo lei) è stato molto utile: qualche trucco per un corretto attacco al seno, per tamponare le coliche e per impostare una routine quotidiana. 

IMG_0436

Un consiglio che do alle neo mamme è di farsi aiutare (tutt’ora quando viene qualche amica a trovarmi le rifilo i bambini e vado a farmi una doccia!)

La vostra serenità sarà la serenità dei vostri figli.

Visto che non tutti hanno un’ostetrica o una puericultrice di fiducia vi segnalo un nuovo programma su RealTime, sul rientro a casa dopo il parto, nato dalla collaborazione con Chicco. 

Non posso svelare ancora molto, ma la producer è una delle mie migliori amiche quindi lo consiglio doppiamente.

In questo programma ci saranno delle ostetriche professioniste e delle neofamiglie alle prese con tutto ciò che abbiamo passato durante il ritorno a casa dopo il parto. Quindi se siete in dolce attesa o nel periodo del puerperio, potrà essere utile guardarlo!

 

In collaborazione con Chicco

2018-09-26T23:34:12+00:00

8 Comments

  1. costanza 17/03/2015 at 23:05 - Reply

    il rientro a casa con la numero 1 è stato a dir poco traumatico: io avevo poche idee e confuse, lei viveva attaccata alla tetta, al primo urletto mi precipitavo, se non dormiva profondamente non la mettevo giú e, se lo facevo, si svegliava e si ricominciava tutto da capo. i primi 3 mesi sono stati un incubo. con Bianca è stata tutta un’altra cosa: avevo esperienza e confidenza dalla mia, in piú dovevo occuparmi anche di Matilde. Bianca è sempre stata buona e questo ha reso tutto più facile ma sarebbe comunque stato molto più easy essendo il secondo giro..

    • Elena J 19/03/2015 at 12:53 - Reply

      è stato molto simile per me amica!

  2. Daniela 21/03/2015 at 19:49 - Reply

    Grazie, il mio primo parto e rientro è stato simile al tuo ma mi rincuora il fatto che dopo un cesareo possa veramente esserci un parto naturale se dovesse arrivare il secondo lo vorrei tanto!!!

    • Elena J 23/03/2015 at 18:34 - Reply

      ciao Daniela!
      E’ possibile, però bisogna scegliere bene l’ospedale dove partorire!

  3. Chiara 22/04/2015 at 23:26 - Reply

    sapessi quanto mi ritrovo in quello che racconti del tuo primo rientro post partum!!!Stessa divisione dei compiti, stesse fatiche…infatti per il prossimo ora sogno un vbac! Leggere la tua esperienza – mi collego al post dedicato al tuo secondo parto naturale- mi ha entusiasmato e mi spinge a crederci. Posso chiederti in quale ospedale sei riuscita ad ottenerlo (senza che ti proponessero un secondo cesareo)?E Complimenti per il blog!

    • Elena J 23/04/2015 at 9:23 - Reply

      Ciao Chiara! Io ho partorito all’ospedale di Rimini, un’esperienza splendida davvero <3

      Se vuoi delle info c'è il gruppo su Facebook "noi vogliamo un vbac" e anche il sito vbac.it con il forum (ti risponderanno delle ostetriche professioniste)

      Tra l'altro scriverò altri post sul vbac, spero ti saranno utili :)))

  4. Anna 17/07/2015 at 12:26 - Reply

    Io pure ho avuto un cesareo al primo parto ma non c’è molto accordo sui tempi da aspettare per poter fare poi un parto naturale.. quanto è passato tra i tuoi due se posso chiedertelo?
    I ginecologi in generale tendono a riproporre un nuovo cesareo anche passato molto tempo.. l’unica alternativa è affidarsi ad un’ostetrica come hai fatto tu. Complimenti per il blog!

    • Elena J 17/07/2015 at 17:01 - Reply

      Ciao Anna, hai ragione, ogni ginecologo e ogni ospedale dice la sua!
      Le linee guida OMS dicono dopo 18 mesi. Io l’ho avuto dopo due anni e mezzo.

      Non si può indurre il parto e dovresti essere monitorata (nel senso monitoraggio fisso). Io ho partorito a Rimini, il monitoraggio me l’hanno messo dopo l’epidurale (prima mi hanno fatta stare in vasca) e mi hanno lasciata anche libera di partorire nella posizione che preferivo. H splendido con personale fantastico!

      Purtroppo ogni H ha i suoi protocolli, rimini è uno degli H all’avanguardia per i parti naturali. Io sono andata lì (nonostante 1 h di auto) proprio per quello.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.