Allattamento al seno e ritorno al lavoro: un doppio legame

Allattamento al seno e ritorno al lavoro:

IMG_2801_new-600x436 (1)

Il lavoro fatto per promuovere l’allattamento al seno, specialmente a richiesta e prolungato, è stato davvero encomiabile.

Ho partorito Thiago a Milano e Leon a Rimini e in entrambi gli ospedali mi è sempre stato detto: ogni volta che piange attaccalo al seno, non guardare orari e avanti tutta. Lo stesso la pediatra.

Peccato che le mamme lavoratrici autonome, nella maggior parte dei casi , la maternità – quindi la possibilità di restare a casa a godersi il pupo – se la sognano: chi svolge un lavoro free lance sa bene quanto sia dura farsi sostituire e in ogni caso questo può comportare una grossa perdita di clienti/lavori.

Le lavoratrici dipendenti hanno sì dei periodi garantiti di maternità, ma quando tornano a lavorare difficilmente possono prendere dei permessi per continuare ad allattare a richiesta i propri bambini (soprattutto dopo i sei mesi).

Oppure può capitare ciò che è successo a me: la mia seconda maternità è stata calcolata sull’anno in cui ero in maternità di Thiago, durante il quale non ho praticamente lavorato e quindi, a questo giro, non percepirò praticamente nulla. -N-u-l-l-a-

Così io in maternità non ci sono mai andata e dopo poche settimane avevo già ripreso gli appuntamenti di lavoro per portare a termine lavori iniziati durante la gravidanza. E’ chiaro che in tutto ciò concepire un allattamento a richiesta sia stato praticamente impossibile (e nonostante questo sto continuando ad allattare).

Quindi piuttosto che insistere con le campagne per l’allattamento al seno a tutti i costi – questa cosa l’abbiamo capita, davvero – forse occorrerebbe rivedere il funzionamento di un sistema dove da una parte si raccomanda l’allattamento a richiesta, instillando il senso di colpa con il messaggio subliminale “se non allatti esclusivamente al seno non sei una brava mamma” ma dall’altra parte, lo stesso sistema, non mette nelle condizioni di poterlo fare.

Questo meccanismo perverso mi ricorda il Doppio Legame di Bateson e le sue tragiche conseguenze:

Il doppio legame indica una situazione in cui la comunicazione tra due individui, presenta un’incongruenza tra il livello verbale (quel che vien detto) e il non verbale (gesti, atteggiamenti, tono di voce). Chi riceve il messaggio non ha la possibilità di decidere cosa ritenere valido (visto che si contraddicono) e nemmeno di far notare l’incongruenza.

Come esempio Bateson riporta l’episodio di una madre che dopo un lungo periodo rivede il figlio, ricoverato per disturbi mentali. Il figlio, in un gesto d’affetto, tenta di abbracciare la madre, la quale si irrigidisce; il figlio a questo punto si ritrae, al che la madre gli risponde: “Non devi aver paura ad esprimere i tuoi sentimenti”.

A livello di comunicazione implicita (il gesto di irrigidimento) la madre esprime rifiuto per il gesto d’affetto del figlio, invece a livello di comunicazione esplicita (la frase detta in seguito), la madre nega di essere la responsabile dell’allontanamento, alludendo al fatto che il figlio si sia ritratto non per l’irrigidimento, ma perché bloccato dai suoi stessi sentimenti. Il figlio, colpevolizzato, si trova impossibilitato a rispondere.

Bateson ipotizza che causa della schizofrenia sia l’esposizione cronica a situazioni familiari di doppio legame.

Tirate voi le conclusioni.

2018-09-26T23:34:15+00:00

4 Comments

  1. Sabina 27/01/2015 at 14:50 - Reply

    Ecco, fantastico, ora capisco tante cose di me.

    • Elena J 27/01/2015 at 15:10 - Reply

      🙂

  2. Chiara 28/01/2015 at 16:56 - Reply

    Parole sante. Dal momento in cui partorisci, alle visite dal pediatre, al parlare con le tue amiche… Tutti ti spingono, o forse è meglio dire, ti fanno pressione per allattare esclusivamente al seno e a richiesta. Per prima cosa sono contraria sull’allattamento a richiesta, credo sia meglio mantenere i ritmo di 2/3 ore tra una poppata e l’altra. Anche perché con l’allattamento a richiesta mio figlio mangiava per pochi minuti ma spessissimo e non si alimentava nel modo corretto. Inoltre, allattare è bello e giusto se è una cosa sana e spontanea non un senso di obbligo che ti impongono gli altri. Io mi costringevo a mungiture con il tiralatte per lasciare il nutrimento sufficiente se dovevo lasciare mio figlio in caso di impegni perché dargli il latte artificiale me lo facevano vivere come un avvelenamento. Concordo sul fatto che non esistono leggi o ammortizzatori sociali per promuovere l’allattamento al seno a oltranza. I permessi sono pochi e non possono essere presi quando necessita la mamma ma nel modo che nuoce meno al lavoro dell’azienda. Inoltre,non solo non ci sono tutele o mezzi per le madri che vogliono allattare ma non esiste ancora la maternità garantite per tutte le donne. Io sono dipendente ma al compimento del 9 mese del mio bambino sono costretta a rientrare al lavoro e lasciarlo al nido con commento inorridita della pediatra che mi chiede se è proprio necessario che vada al nido. Se i pediatri pensano che i nidi siano nocivi prima dei due anni di età perché non fanno una campagna per chiedere al governo di allungare il periodo di maternita invece di far sentire in colpa le madri che non hanno altra scelta? Non parliamo del fatto che per sei mesi di maternita si prende solo il 30% dello stipendio e questa cosa pesa tantissimo sul bilancio familiare ed è una grave discriminazione. Concludo dicendo che mi fanno inorridire i flash mob sull’allattamento al seno. Non c’è niente di male ad allattare nei luoghi pubblici ma parto dal presupposto che allattare significa nutrire, e che vorrebbe nutrirsi in un bar o una piazza affollata al freddo o al caldo? Credo sia molto più igienico e intimo trovare luoghi e momenti addatti nel rispetto del neonato che di fatto in quel momento si sta nutrendo

    • Elena J 29/01/2015 at 11:35 - Reply

      anche la mia pediatra mi aveva detto la stessa cosa “più tardi va al nido meglio è” Mah.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.