Rientro al lavoro anticipato e allattamento misto: quale biberon?

Quando è nato Leon non ho mai smesso di lavorare, il mio rientro al lavoro è stato quasi immediato, quindi mi sono dovuta barcamenare da subito con l’allattamento misto.

Venivo da una precedente esperienza di allattamento, con Thiago, dove non avevo mai usato ciucci e biberon ed ero stata un’assolutista della tetta sempre e comunque. Poi a quattro mesi, quando dovevo assentarmi per diverse ore per il rientro al lavoro, mi sono trovata con lui che del biberon non ne voleva sapere.

E non c’era modo: piuttosto che prendere il biberon Thiago urlava e soffriva la fame.

Lavoro-allattamento IMG_0194

Così con Leon, dopo un mese e mezzo, ho iniziato a tirarmi il latte e dargli una poppata al giorno con il biberon per abituarlo da subito ai diversi tipi di suzione.

Ho usato il tiralatte e i biberon di Tommee Tippee, che hanno una speciale valvola anticolica, che impedisce al bambino di succhiare aria.

IMG_0200

Contemporaneamente scoprivo che Leon soffriva di reflusso e quindi, su consiglio della pediatra, oltre ad una cura specifica, dovevo distanziare le poppate per evitare di sollecitare troppo la digestione.

Così vista il ritorno al lavoro quasi immediato e i momenti da dedicare esclusivamente al fratello maggiore ho trovato il giusto compromesso con l’allattamento misto.

Sicuramente il latte materno è l’alimento ideale per il bambino, ma a volte non è sufficiente oppure le esigenze lavorative e familiari lo rendono particolarmente difficoltoso. E se la mamma è stressata lo sarà anche il piccolo.

Quindi ho capito che nell’allattamento – come in tutti gli aspetti della vita familiare – a volte è bene mettere da parte ciò che è giusto a priori e capire ciò che è giusto per la propria famiglia. Trovare il proprio equilibrio, ma soprattutto il proprio benessere.

E a volte questo significa anche usare tiralatte, biberon o latte artificiale, senza troppi sensi di colpa.

Tommee Tippee

Facebook

2018-09-26T23:34:19+00:00

One Comment

  1. mamma avvocato 13/12/2014 at 11:42 - Reply

    Con me, su questo argomento sfondi una porta aperta!

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.