Uno dei viaggi più temuti dai genitori è quello in aereo con i bambini. 

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

aereo-bambini
viaggiare in aereo con i bambini. Yes we can.

 Un po’ perché si pensa che viaggiare in aereo possa in qualche modo dar fastidio alle orecchie dei bambini (è vero, ma ci sono dei piccoli trucchi per ovviare il problema) un po’ perché se non ci si organizza bene può diventare un vero sbattimento.

5 cose da sapere prima di viaggiare in aereo con i bambini:

1- Ovviamente i bambini devono essere muniti di documento d’identità personale o passaporto personale, valido. 
Occhio se glielo avete fatto quando erano neonati e ora hanno tipo due anni: il documento è ancora valido, ma probabilmente dalla foto sono irriconoscibili: potrebbero comunque contestarlo e non farvi partire.
Ingiusto? Abbastanza, ma meglio stare dalla parte del sicuro e rinnovare il documento.

2- Controllate sempre le norme per il paese di destinazione: alcuni posti vogliono un passaporto valido per sei mesi dalla data di partenza, quindi se il vostro passaporto scade tra un mese dovete rinnovarlo.

3- Il passeggino: con i bambini piccoli sempre meglio portarlo, alcuni modelli si possono portare direttamente in cabina.
Prendetene uno facile da chiudere: deve passare i controlli di sicurezza.
Lo lascerete all’imbarco dell’aereo (proprio un attimo prima di mettere piede sull’aeromobile) e dovete ricordarvi di recuperarlo allo sbarco.
Alcune compagnie ve lo faranno trovare direttamente al rullo dei bagagli, voi comunque chiedete una volta in più piuttosto che una in meno.

4- Liquidi: solitamente, i liquidi per bambini (latte, pappe) o medicinali vari, ve li fanno imbarcare fino ai due anni di età.
Dovete comunque segnalarli prima dei controlli di sicurezza.
All’aeroporto di Ibiza me li hanno fatti passare sotto un’apposita macchina per verificare che non contenessero esplosivi (!), in altri aeroporti sono andati sulla parola: “E’ per il bambino?” “Sì” “Ok”.

In realtà i liquidi sarebbero permessi solo per i neonati (fino a due anni), ma anche con un bambino un po’ più grande solitamente chiudono un occhio.
Se ai controlli trovate quello che vi ha scambiato per una kamikaze che vuol fare saltare in aria l’aereo con un succo di frutta alla pesca biologico di 120 ml e vostro figlio ha due anni e due mesi, ha comunque ragione lui: il succo dovete buttarlo e vostro figlio piangerà disperato, ahimè (mi è successo).

5- Le orecchie: sull’aereo i bambini possono soffrire di mal d’orecchie, a causa della pressione, soprattutto al decollo e all’atterraggio.
Per ovviare il problema con i neonati basta attaccarli al seno o al biberon, diventa facile perché fino ai due anni i bambini non hanno diritto al posto a sedere e devono viaggiare in braccio a un genitore (che meraviglia!).
Per i bambini più grandi si può dare qualcosa da bere, ma difficilmente si scoleranno un liquido per tutto il tempo del decollo o dell’atterraggio (di solito 20 minuti) quindi meglio farli mangiare: anche in questo modo non dovrebbe tapparsi il canale uditivo.

Importante: se i vostri bambini dovranno viaggiare in aereo con qualcuno che non sia mamma o papà è necessaria un’autorizzazione: basta che i genitori vadano in questura (o anche uno dei due con delega firmata e fotocopia di documento d’identità dell’altro genitore e dell’accompagnatore): il foglio va presentato al check-in e all’imbarco.

Portatevi dietro tutto ciò che avete per intrattenere i vostri bambini durante il viaggio: dvd, ipad, libri, colori, giochi.
I viaggi in aereo possono diventare molto noiosi e i bambini sanno diventare veramente insopportabili se non sanno cosa fare.
Per tutto il resto buon viaggio![/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]