Chi non ha figli non può capire.

Chi non ha figli non può capire.

Da quando sono madre ho avuto una serie di incomprensioni e discussioni, con amiche senza prole, che mai, nella vita, avrei immaginato.

E’ vero, a volte noi mamme siamo di una noiosità infinita.
Appena ci domandi:
“Tuo figlio come sta?” attacchiamo una solfa senza fine, mostrandoti l’album fotografico del pargolo nello smartphone, riportando una dettagliata rassegna stampa su quante parole dice, come le dice, quanto dorme, quante volte fa la cacca, ecc. ecc.
Dettagli di una banalità assurda riportati con l’enfasi di un’impresa epica, mentre la tua era una domanda di circostanza e dei bambini non te ne frega niente.

Comunque.

Chi non ha figli non può capire?

Ultimamente, alcune amiche, figlio sprovviste, si sono lamentate della mia latitanza.

Hanno ragione, tra figli, fidanzato, lavoro, casa io perdo i pezzi.
Mi dimentico cose, ho vuoti di memoria e momenti di disorientamento spazio temporale.

Se ricevo un whatsapp è sicuro che in quel momento mio figlio starà tentando di allagare casa mentre si lava le mani.

E sventato l’attacco, io, del messaggio, me ne sarò dimenticata.

Va da sé che o rispondo con qualche giorno di ritardo o, a volte, non rispondo affatto.

Ho sempre sostenuto che il tempo per un messaggio o una telefonata si trova. 
Se vuoi fare qualcosa la fai.

Ora non più. Non se hai un bambino piccolo. O due.

Non me ne vogliano le amiche, ma nella scala delle priorità di un’economia familiare ci sono cose che vengono prima di loro.

E poi diciamolo, una telefonata con un’amica, che abita lontano, che vedi poco, la fai per chiacchierare, per aggiornarti degli ultimi fatti, pensieri, problemi, sogni, desideri.

Una chiacchierata con un’amica ha bisogno di un po’ di privacy.

Non puoi farla con figlio attaccato alle tue gambe che ti dice che ha fame, sonno, si annoia, mi fa male qui.

Oppure a fianco di marito (perché hai voglia di lamentarti un po’ di tuo marito quindi è meglio che lui non ci sia).

 E quindi pensi: “la chiamo dopo”, “la chiamo dopo”.

Passano i giorni, le settimane, i mesi e quel “dopo” non arriva mai.

Il problema è che quando vai a spiegare le tue motivazioni e l’amica risponde:
“se sei sempre a casa con tuo figlio. non hai niente da fare. ti riposi. perché mentre lui gioca nella sua stanza, tu non trovi il tempo per una telefonata?”

E’ davvero impossibile la comunicazione e la comprensione tra il mondo delle mamme e quello delle non mamme?

Non sempre ma a volte certe cose per chi non ha figli, appaiono molto improbabili.

 

2019-09-21T18:26:23+00:00

39 Comments

  1. Leyla 17/06/2013 at 18:57 - Reply

    Secondo me è assolutamente possibile se ci si trova di fronte a persone ragionevoli,da entrambe le parti.
    Io parlo da quella senza figli con sorelle e cognate chi con 2 chi con addirittura 3 figli che posso considerare anche amiche.
    Certo le cose cambiano con dei bimbi e io non sono mai rimasta male se non mi rispondevano subito a un messaggio o ad una chiamata,ma se non si fossero fatte sentire per mesi due domande me le sarei fatte.
    Come dici tu magari per una chiamata a volte è dura trovare il tempo,però se ci si tiene a mantenere i rapporti un messaggio una volta ogni tanto prende giusto 30 secondi, per far sapere all’altra persona che la pensi e sei solo presa da altre cose.
    Poi chiaro che parlo di una persona a cui si tiene.
    Forse a volte ci si nasconde un po anche dietro alla scusa di avere figli(non parlo di te in particolare),quando invece se uno ci tiene il tempo lo trova,anche per un messaggio o una mini chiamata.Mia sorella ha 2 figli piccoli per dire e io la sento quasi tutti i giorni nei momenti in cui lei è libera,magari quando i bimbi dormono.
    Lei poi ha diverse amiche lontane con cui so si sente ed ha ancora bellissimi rapporti.
    Secondo me se un rapporto si vuole mantenere,con un po di impegno e comprensione,ce la si può fare tranquillamente!

    • Elena Jane 18/06/2013 at 14:11 - Reply

      Quello che mi frega sono i balck out di memoria e la ricerca del momento giusto.
      Nel senso che davvero io penso “richiamo dopo che sono tranquilla” e poi spesso quel dopo o non arriva o mi dimentico.

      Poi non è che da quando sono madre non sento più nessuno è che le amiche che sono rimaste sono quelle che non si offendono, anzi, mi richiamano e mi scrivono “oh! ci sei??” e allora, grazie al remind io richiamo.

      A volte succede che richiamo e poi è l’altra che non ha tempo, così ci si perde.

      Quello che non giustifico è la ripicca, se io non riesco, poi appena trovo il tempo tu fai l’offesa e non vuoi rispondermi/vedermi a me, onestamente, passa del tutto la voglia.

    • Giulia Telli 18/06/2013 at 16:14 - Reply

      Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    • Giulia T 18/06/2013 at 16:31 - Reply

      Elena quanto ti capisco!!! Altro che tempo per rispondere alle amiche…io non riesco a rispondere nemmeno a mio marito! Quando mi chiama sono sempre impegnata e la maggior parte delle volte non riesco proprio a rispondergli pur sapendo che mi chiama giusto per sapere come va e dirmi “ciao”!, le RARE volte in cui riesco a farlo è solito rispondermi “no, aspetta, non ero preparato a una tua risposta, ma sei davvero tu? Sono un po’ emozionato!”.

      Alle 13 di oggi ad esempio ero a fare la spesa con il tempo contato perchè il nanetto lo teneva mia madre che mi aveva dato ultimatum: “alle 14 torna che devo andare”, mio marito mi chiama ma non gli rispondo perchè sono concentratissima a fare la spesa dato che ho anche dimenticato la lista e ho preso solo due pomodori…lui ci riprova dopo un po’, al che gli rispondo ma lo liquido in due secondi “non ho tempooo! sto facendo la spesa mia madre ha fretta e sono indietro!!”…

      ora ho potuto rispondere a questo mess perchè è uno dei rari momenti in cui giacomo dorme (di solito mi tira SENZA riposino dalle 10 alle 23) e in cui io non sia impegnata a corrergli dietro (nonostante non abbia ancora 8 mesi, gattona a razzo e cammina attaccato al divano) o a fargli la pappa, a tentare invano di fargliela mangiare… l’elenco è lungo e non vi tedio…certo è che mi sono giocata così il mio tempo di libertà rinunciando alla telefonata con un’amica dal momento che già piange e mi tocca andare….bye bye

    • Giulia Telli 18/06/2013 at 16:32 - Reply

      Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    • Giulia Telli 18/06/2013 at 16:34 - Reply

      Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    • Elena Jane 19/06/2013 at 13:12 - Reply

      secondo me c’è quel periodo che va dai 6 ai … boh che se li hai in casa tutto il giorno non puoi perderli di vista un attimo, e quando dormi, spesso ne approfitti per fare le tue cose!

    • Simo 22/12/2019 at 14:59 - Reply

      Magari i tuoi nipoti fanno riposini lunghi o sono angioletti. Non a tutti va cosi bene…
      Nel caso tu non sia d’accordo con me….rileggi il titolo 😉

  2. niki 17/06/2013 at 20:28 - Reply

    Ti capisco, eccome! Ho una bimba di un anno e mezzo, e perdita di memoria precoce 🙂 il tempo è difficile da trovare perché anche quando hai due minuti liberi, li vuoi per te, per rilassarti, pensare, seguire le tue passioni. Le persone che sono vere amiche, lo sono anche non sentendosi sempre. Altrimenti è solo un bisogno egoistico, non è amicizia. Ho perso delle persone, ma forse non erano così pronte a volermi bene per quello che sono. E ora sono una mamma, moglie, con poco tempo libero, anche se a casa pure io. Ma poi parliamo dell’energia che ti prende accudire un pargolo????

  3. Francesca Taioli 17/06/2013 at 21:36 - Reply

    Uh come ti capisco … A parte che io temo di aver lasciato qualche neurone in sala parto… 😉
    Far capire che ora sei “diversa” e’ difficilissimo, perche’ poi (diciamocelo) a volte quando hai 5 minuti liberi hai voglia/bisogno di tempo TUO. E questo non lo capisce nessuno, soprattutto ‘se sei a casa tutto il giorno”.
    “Gia’ ma mica sono sul divano a leggere!!!”
    Eh … la cosa positiva e’ che anche le amiche senza figli prima o poi (spero) ne avranno e capiranno che esiste un buco nero che si ingoia il tempo e le telefonate, la memoria e gli sms.
    E finalmente sara’ di nuovo armonia!:)

    • Elena Jane 18/06/2013 at 14:13 - Reply

      anche a me sembra di aver lasciato dei neuroni da qualche parte.

      E’ vero, anche io a volte, voglio del tempo mio, per farmi una doccia, uno scrub, pettinarmi i capelli o soffiarmi il naso.
      Sembra assurdo, ma quando hai figli piccoli è così 🙂

  4. acasadiclara 17/06/2013 at 21:36 - Reply

    è proprio così e con chi capirà resterete amici. gli altri, purtroppo, pazienza. ci sono anche persone che per quanto tu faccia lo sforzo di chiamarle ogni tanto, nonostante i bambini, il poco tempo, il lavoro etc etc etc non capisce che è proprio uno sforzo e magari ti dice ‘guarda sono di fretta ci sentiamo più tardi’. cioè mai!! ci sono invece altre persone con le quali ci sentiamo poco e ci vediamo ancor meno, ma ogni volta è come se non fosse passato il tempo e in quelle poche ore ci si racconta di tutto come se si abitasse vicini. insomma l’amicizia percorre strade complesse e insondabili!!!

  5. lipstikanddummy 18/06/2013 at 8:39 - Reply

    Per me è vero il contrario. Sono io a sentirmi esclusa dalle mie amiche senza figli. Non posso prendere “un ape al volo” e nemmo partire per un week end al mare da un giorno con l’altro. Io devo pianificare marito, nonni, tata con un largo anticipo. Ma questo le “sfigliate” non lo capiscono. Eppure, c’è tanta voglia di uscire di chiaccherare di confrontarsi su qualcosa che non siano pannolini, allattameto, svezzamento…e lo sappiamo tutte quanto a una mamma faccia bene, ogni tanto, dimenticarsi di essere mamma…

  6. verdeacqua 18/06/2013 at 8:42 - Reply

    ho mandato il link del tuo post in giro a qualche amica. Sei riuscita perfettamente a descrivere come stanno le cose.

  7. lipstikanddummy 18/06/2013 at 8:53 - Reply

    Per me vale il contrario. Sono io ad essere tagliata fuori dalle amiche senza figli. non posso prendere “un’ape al volo” e nemmeno partire per un week end al mare senza un larghissimo anticipo. Dietro ogni minuto preso libero ci sono una task force di marito, nonne, tate. Eppure, Dio lo sa quanto noi mamme abbiamo bisogno di parlare di altro che pannolini, allattamento e svezzamento, per ricordarci, ogni tanto, di essere prima di tutto donne.

    • Elena Jane 18/06/2013 at 14:20 - Reply

      diciamo che quello che è successo a te è il rovescio della medaglia.

      Io a volte ho paccato perché non riuscivo ad organizzarmi, o anche solo perché vedevo il pupo nervoso e non uscivo.
      Anche questo atteggiamento, a volte, non è stato compreso e gradito.

  8. lipstik&dummy 18/06/2013 at 9:15 - Reply

    Per me vale il contrario. Sono io ad essere tagliata fuori dalle amiche senza figli. La cosa che non capiscono è che “un’ape al volo” o un week end al mare devono essere organizzati con un larghissimo anticipo. Ogni minuto libero preso richiede una task force di marito, nonne, tate. E quindi al terzo no, iniziano a non coinvolgerti più. Dio solo lo sa, invece, quanto servirebbe a noi mamme per una sera non parlare di pannolini, allattamento e svezzamento…così per ricordarti, ogni tanto, che sei prima di tutto, donna.

  9. lipstik&dummy 18/06/2013 at 9:16 - Reply

    Perdono….ho fatto casino coi commenti!

  10. Vetekatten 18/06/2013 at 11:26 - Reply

    io non credo sia una questione di con figli/senza figli ma di persone. Discorsi analoghi ne ho fatti con alcune amiche tempo fa, quando non ero ancora incinta e nemmeno ci pensavo! La mia vita è stata sempre piuttosto piena e movimentata e avendo la maggior parte delle amiche lontane è sempre stato difficile incastrare tutto. Alcune lo capiscono, ci si sente poco ma non ci sono recriminazioni, altre invece (meno impegnate) son lì a contare quanto tempo passa da un mio messaggio all’altro. Ora che avrò un figlio le cose potranno solo “peggiorare”!

    • Elena Jane 18/06/2013 at 14:18 - Reply

      infatti però mi sono sentita dire certe frasi o recriminazioni da persone che reputo molto intelligenti e comprensive, quindi o mi ero sbagliata o viviamo in un due mondi diversi 🙂

  11. Anonymous 18/06/2013 at 14:37 - Reply

    guarda non ho figli, ma in questo periodo una bimba di 9 anni in affido temporaneo, è bielorussa e ciò che ci si guadagna col fatto che è molto autonoma, lo si perde per il fatto che non ci si capisce tantissimo. E ho avuto la conferma che sono 2 mondi diversi che si possono incontrare, c’è chi capisce che ora è lei la mia priorità (ho declinato tanti di quegli inviti!) ma anche che un po’ di tempo te lo puoi ritagliare, ripeto non è una neonata, ma lavoro fuori casa e quando lei dorme mi ricordo di mandare una mail, e cosa che mi dico sempre – scusa la volgarità ma rende l’idea – un sms lo mandi anche mentre sei sul cesso – insomma giusto per non perdere troppo il filo dei contatti. Io ho amiche con figli adolescenti che non hanno mai tempo e ci si vede se IO prendo ferie, a sto punto non mi sta + bene. BACI SANDRA http://ilibridisandra.wordpress.com

    • Elena Jane 19/06/2013 at 13:08 - Reply

      Si assolutamente il tempo te lo puoi ritagliare anche con un bambino piccolo o più grande.
      Al bagno lui viene con me e vuole giocare, però ho tante amiche che continuo a sentire, non sempre, ma quando non rispondo mi richiamano due, tre, quattro volte. E io faccio lo stesso con loro.

      E’ ovvio che se tu chiami e dall’altra parte non c’è flessibilità negli orari o nel capire e non offendersi – purtroppo – ci si perde.

  12. Ottavia Testore 18/06/2013 at 16:21 - Reply

    Compagna di vuoti di memoria all’appello!
    Purtroppo succede, e non tutti capiscono.
    Non credo sia strettamente un problema di figlio o non figlio, ma di sensibilità.
    Ho due amiche X e Y, entrambe senza figli.
    X è sempre sorridente, sa che se non rispondo è perché senza cattiveria mi dimentico e la sera svengo dal sonno, mi accompagna dal pediatra, in piscina coi bimbi, ai colloqui ovunque, sempre col sorriso.
    Y mi punzecchia se non mi faccio sentire con sms “tampinatori” e mi domanda se i bambini in piscina stanno per prendersi un po’ di sole.
    Quindi credo sia una questione di sensibilità e di maturità anche. Ovviamente in base alla mia piccola esperienza personale. 😉

    • Elena Jane 19/06/2013 at 13:09 - Reply

      A me è successo con un paio di amiche che ritengo super comprensive e intelligenti, ma quando gli spieghi che in certi giorni proprio non trovi il tempo e poi ti dimentichi (più sincera di così) si sono offese.
      Forse sono stata troppo sincera.

  13. THEPOCKET MAMA 18/06/2013 at 22:37 - Reply

    Se vogliamo dirla tutta, a volte ho lo stesso problema anche tra mamme. E’ facile dire “potevi trovare un momento x chiamarmi…ho due figli anch’io” ….certo, ma se non lavori e hai i nonni a tua completa disposizione, tu fai PR tra un corso in palestra e una piega dalla parrucchiera.

    • Elena Jane 19/06/2013 at 13:10 - Reply

      Eheheheh infatti, il problema è riuscire a mettersi nei panni dell’altro, quando questi panni sono molto diversi!

  14. Acciao73 18/06/2013 at 22:40 - Reply

    L’amicizia è un seme che va coltivato. Sempre. I figli ci risucchiano tutto. Dai neuroni al tempo per noi, per il compagno, per il resto della vita.
    Ma non bisogna dargliela vinta.
    Non bisogna lasciarsi sopraffare.
    è necessario trovare il tempo.
    Per un sms, per un caffè, per una telefonata con elenco di lamentele sul marito:-)
    A me è capitato peggio.
    Più che non trovare il tempo per stare o frequentare, ho dovuto allentare amicizie con mamme di prole femminile intimorite davanti al maschio pronto a rotolarsi per le scale.
    Sai quanti danni poteva provocare alle loro delicate principesse.
    Eppure anch’io ho avuto una femmina. E certo, con il maschio noto la differenza. E con il terzo in arrivo sarà divertente.
    Male amiche,con prole o senza no vanno abbandonate.
    Vanno usate invece come la valvola della pentola a pressione.
    Perché i nostri figli devono capire che abbiamo amici, che la latra è una rete di persone che si vogliono bene, si supportano e si sopportano.
    Trova il tempo.

    • Elena Jane 19/06/2013 at 13:05 - Reply

      anche io penso che gli amici siano importantissimi.

      Quella delle mamme che hanno paura che il maschio faccia male alle principesse mi mancava!

  15. La mia vita semplice 18/06/2013 at 23:21 - Reply

    quando ancora non avevo mio figlio mi stupivo di come si potesse andare in giro con l’aria assente spingendo un passeggino (ora so perchè) 🙂

    Ora che ho un figlio resto dell’idea che ogni tanto due chiacchiere con le amiche vorrei farle, ma senza figli che ti si arrampicano attorno o che ti interrompono ogni due minuti (utopia). Non a caso l’unica amica con cui riesco a vedermi ogni tanto non ha figli.

    Temo che sia un po’ come quel verso di Vasco ‘…ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi…’

  16. Arianna Pand 16/07/2013 at 18:43 - Reply

    Io divido gli amici SENZA figli in 2 categorie:
    quelli che ti sopportano anche quando parli delle 3 “P” (pappa, pipì e popò) e quelli per i quali i figli sono un argomento tabù.
    Scelgo di vederli a seconda del mio umore…ma spesso gli amici della seconda categoria sono un po’ trascurati! Sapete com’è….. 😉

  17. stefaniastefanelli 06/08/2013 at 17:52 - Reply

    Per fortuna ho ancora amiche con le quali riesco a condividere momenti di leggerezza, ma ammetto che erano amiche con le quali non condividevo la quotidianità, prima. Coloro con i quali condividevamo la quotidianità non hanno fatto grandi sforzi per capire il nostro cambiamento e dopo che, nell’unico weekend passato insieme fuori in due anni, sono usciti la sera lasciandoci soli perché la pupa si era appena addormentata e non potevamo seguirli, abbiamo capito che noi, evidentemente, non eravamo mai stati una loro priorità. E loro hanno smesso di essere una delle nostre. E’ stato doloroso, ma il fatto che dopo avergli detto il nostro pensiero sono spariti e da 8 mesi non vedono più né noi né la piccola dimostra che va bene così.

  18. Valentina 17/09/2019 at 21:50 - Reply

    Quando sfornate siete più impegnate del Presidente del Consiglio.. Ridicola

    • Simo 22/12/2019 at 14:57 - Reply

      Rileggi il titolo.
      Sei stata offensiva a mio parere..

  19. Cristian 11/01/2020 at 9:26 - Reply

    Siamo nel 3000 ormai esistono le baby sitter quindi ogni tanto 2 ore prenditi una baby sitter e chiama esci scrivi alle tue amiche!!!il resto sono solo scuse

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.