Le donne intelligenti non fanno figli

le-donne-intelligenti-non-fanno-figli

“Inchiesta shock: le donne intelligenti non fanno figli!”

Jessica Valenti, femminista americana, ha scritto un libro “Why Have Kids?”, tradotto in italia “le donne intelligenti non fanno figli” dove demolisce il mito della maternità mettendo in luce lo scarto tra come ci si immagina con un figlio e com’è in realtà essere madre –cioè un incubo-.

 E che quindi le donne che non fanno figli sono più furbe, statisticamente più colte (laureate e con master) e quindi più intelligenti. E forse grazie a questa cultura, istruzione e intelligenza scelgono di non diventare madri.
Forse anche far polemica è una strategia di marketing, ma sta di fatto che del suo libro se ne parla.
Ecco qualche perla di saggezza:

Le donne intelligenti non fanno figli:

“Dire che la mamma è il lavoro più importante del mondo è un modo furbo di accontentare le donne che non si sentono appagate. Le si tiene in casa così si evita che diventino avvocati e politici e abbiano lavori importanti nella sfera pubblica.

Mah, forse un fondo di verità c’è.

Io ho passato gran parte della mia vita cercando di non rimanere incinta.

Non sono mai stata una di quelle che giocava a fare la mammina con le bambole o che chiedeva alle amiche con i bimbi piccoli “oh me lo fai tenere un pò in braccio?”.
Non me ne fregava proprio niente del mondo della maternità.
Ricordo che le mie amiche del liceo, a causa di svariati incidenti di percorso, sono rimaste incinte tutte molto giovani: 20, 24, 25 anni- e io ogni volta che accadeva pensavo: “oh poverina, si è rovinata la vita”.

Ignoravo ciò di cui ora non riesco a fare a meno.

A dire il vero pensavo che non sarei mai diventata mamma.
E anche molti miei amici lo pensavano. Quando giro per la mia città con mio figlio e incontro vecchi amici spesso il commento più ricorrente è: “proprio tu con un figlio…”
Si, proprio io.

Ero consapevole del mio egoismo ed ero consapevole che quando hai un figlio devi provvedere alla sua sopravvivenza, che viene prima di te.
In tutto.
E quindi non ci pensavo minimamente a cedere la mia libertà in favore di una nuova vita.

E di libertà ne avevo tanta:

-Potevo decidere di prenotare un volo dovendomi solo preoccupare di incrociare i prezzi più bassi di SkyScanner con gli impegni in agenda, niente altro.
-Se al lavoro fissavano una riunione all’ultimo minuto, dopo le sette di sera, al massimo dovevo disdire il massaggio dall’estetista o l’aperitivo con le amiche.
-Avevo il lusso di lasciare il frigorifero vuoto e decidere se uscire a cena, ordinare sushi take away o morire di fame.
-Potevo fare sesso a qualsiasi ora del giorno e della notte.

-Potevo svegliarmi la domenica mattina alle 10, guardare l’orologio e decidere di tornare a dormire per altre due ore.
(gli ultimi due punti sono quelli di cui sento più la nostalgia.)

Ed ero anche in quella percentuale di donne apparentemente emancipate, con una laurea e un master e quindi dovevo essere più furba e non cadere nel tranello del richiamo riproduttivo.

Ma poi mi è successo.

Ho desiderato diventare mamma, senza sapere con esattezza a cosa sarei andata incontro. Ma tanto nessuno, finché non diventa genitore, sa veramente a cosa va incontro.

Il desiderio si è avverato, anche abbastanza velocemente, quindi sono diventata mamma.

E ho capito che è davvero faticoso e a volte anche frustrante, ma non è mai una sfiga.
Ho conosciuto un amore che non avevo mai provato per nessuno e che è un amore limpido, pulito e assoluto.
Ora la mia libertà finisce dove iniziano i bisogni e le necessità di mio figlio, ho stravolto la mia vita, i miei orari, il lavoro e tutte le abitudini di cui sopra sono un ricordo lontano. Ma va bene così.

E io forse, nonostante la laurea e i master sono poco razionale e forse anche poco intelligente.
E quel poco di intelligenza che avevo se ne è andata a puttane a causa della privazione di sonno forzata.

Il mio punto debole è, ed è sempre stata, la mia dipendenza dalle emozioni.

Quelle che ti fanno sentire viva,

Quell’agitazione adrenalinica prima di una prova importante,

Quella rabbia che non riesci a trattenere le lacrime,

Quelle emozioni che nascono dalla pancia, come i figli.

le-donne-intelligenti-non-fanno-figli

E io sono governata dalla mia pancia e dai miei istinti.

Ciò che ti regala un figlio sono un fiume in piena di emozioni: dalla sensazione di stordimento del test positivo, alla gioia, all’attesa, alla preoccupazione per 37.5 di febbre, al dolore e all’emozione del parto, alla stanchezza e alla disperazione.
All’amore immenso e unico in un sorriso o in un abbraccio.

Tutte emozioni impetuose e irripetibili. Che nemmeno gli amori più tormentati, scenografici e passionali ti regalano.

 Non è vero che le donne che non fanno figli sono più intelligenti, più razionali, o più furbe.

Le donne che non fanno figli sono solo meno stanche.

2018-09-26T23:34:45+00:00

138 Comments

  1. mammacapra 20/11/2012 at 16:59 - Reply

    io ho 27 anni e sono incinta.
    non ho una laurea ne un master.
    pensa a quale categoria di stupidà possa io appartenere!!sono la regina delle stupide eheheh!!!
    ma lo sai che ti dico?se non ci si fosse noi a far sentire così furbe e intelligenti tutte quelle donne che hanno scelto un altro stile di vita da nostro…ma come farebbero?;))

    • norma jane 20/12/2012 at 21:12 - Reply

      eh già, ma soprattutto auguri e congratulazioni per la tua gravidanza!

    • Valentina Parmigiani 09/05/2016 at 10:30 - Reply

      ….se non ci fossimo noi. Hai sbagliato il verbo.
      39 anni, due lauree, un master, single. Colta e felice. Ognuno sceglie per la sua vita e per rendere il mondo un posto migliore.
      I miei genitori hanno la terza media, io ho fatto scelte diverse, mi hanno pagato gli studi e mi hanno lasciata libera.
      Questo articolo è una vaccata, scritto da una che pensa di essere migliore perché ha studiato, vorrei poi sapere cosa!
      Il libro della femminista dice cose molto più profonde, parla di una rivoluzione generazionale.
      L’utero è mio e lo gestisco io, sognifica che ogni donna è padrona delle proprie scelte. Sempre.
      Ciao. Fai studiare i tuoi figli e ti ringrazieranno.

      • Giulia 09/05/2016 at 23:22 - Reply

        Non mi sembra che la madre che ha scritto questo articolo si senta migliore delle altre perche’ ha studiato… Anzi mi sembra voglia dire esattamente il contrario e lo dimostra proprio nelle ultime due frasi :”Non è vero che le donne che non fanno figli sono più intelligenti, più razionali o più furbe.

        Le donne che non fanno figli sono solo meno stanche.”

      • Fab 06/10/2018 at 3:12 - Reply

        Se non ci si fosse noi è un intercalare, due laure ma sei tutta scema e presuntuosa

  2. ilmiosuperpapa 20/11/2012 at 17:03 - Reply

    La mamma di sta Valenti quindi non era molto intelligente, ope e nemmeno la mia o la tua… è un bene o un male?
    Non so se ciò vale anche per i padri… ma sono contento di vedere la mia libertà incastrata nella vita dei mie figli e vissuta nella programmata indeterminatezza di una vita con loro e con donna alfa…
    e sull’intelligenza di questa o quella scelta si potrebbe aprire un bel dibattito… ma se ci fosse una sfornata di donne troppo intelligenti l’estinzione sarebbe dietro l’angolo…

  3. La solita 20/11/2012 at 17:10 - Reply

    Laureata, pluri-masterizzata e tre figli: non so se definirmi intelligente, ma non mi importa ;D!
    Credo che le donne siano intelligenti quando riescono a pensare con la loro testa, senza farsi influenzare in un senso (niente figli e solo carriera) o nell’altro (solo figli e niene altro). Anche se ho l’impressione che le donne stiano “tornando” alla maternità con più consapevolezza, non come un’imposizione sociale ma come una scelta ponderata, che fa parte del loro essere “persone”.
    p.s. Visti gli effetti che Thiago ha avuto su di te (questo post è una magnifica dichiarazione d’amore per il tuo bambino e per il maschio Alfa), ho il sospetto che potresti “bissare” l’esperienza (vedi ultimo post!)

    • norma jane 20/12/2012 at 21:15 - Reply

      spero di avere la possibilità di bissare, davvero!!

  4. mafalda 20/11/2012 at 17:25 - Reply

    Avevo letto una cosa del genere mesi fa, a proposito di donne Alfa e donne Beta (ovviamente le sfigate Beta erano quelle con figli).
    Onestamente non potrei più immaginare la mia vita senza Elisa. Prima facevo cose diverse, ma… Se ad un certo punto l’orologio biologico (o la pancia 🙂 ) inizia a ticchettare bisogna dargli retta.

    • norma jane 20/12/2012 at 21:15 - Reply

      Infatti 🙂

    • Anonymous 24/10/2013 at 15:11 - Reply

      si chiama istinto di riproduzione.
      Voi “Mamme” spacciate sempre un puro istinto (quando è così, a volte è paura della solitudine, del futuro, mancanza di ruolo nella società) per un atto d’amore, anche quando l’inadeguatezza si vede da lontano.Mi piacciono le donne che hanno il coraggio di ammettere di non volere responsabilità, che sentono di avere una vita sola, sono più intelligenti, più belle, ridono di più,le trovo libere, giovani anche da vecchie, sono donne che hanno la possibilità di Pensare e di Decidere, come uomo penso davvero siano superiori (e non ho ancora trovato un amico che mi dice il contrario, e uno, padre da poco mi ha addirittura detto: “eh sì, ma non sono facili da sposare, pretendono di più, a mio moglie invece è bastato un bimbo”).
      Child-free Rules!!!

      • Daniela 07/07/2015 at 15:29 - Reply

        Come tutte le mamme non sono dei mostri senza ambizioni e povere di stimoli, non tutte le childfree sono le donne da te descritte, caro anonimo…ne ho incontrate certe per le quali questa “libertà” fa rima con “aridità” e stanno sempre lì a ripeterti come sono fortunate a non essersi riprodotte e come schifino marmocchi pappine e pannolini…anche se nessuno glielo chiede.

        • Elena J 07/07/2015 at 15:47 - Reply

          brava è quello che penso anch’io

      • Fran 19/07/2015 at 14:03 - Reply

        Anonimo, sono donna ho quasi 40 anni e sono “childfree” e ancora mi devo sentir dire che sono egoista. Ma, nei confronti di chi? Bisogna forse far figli per compiacere qualcuno? Hai esposto il mio pensiero meglio di come farei io stessa 😉

        • Valentina Parmigiani 09/05/2016 at 10:36 - Reply

          Sei una grande. Stessa situazione, sono felice e gli sguardi delle cosi sette mamme stanno iniziando anche a farmi pena!Stiamo cambiando la storia.resistiamo.

      • Lisa 30/07/2015 at 15:54 - Reply

        Buongiorno, io sono entrata nel mondo della maternità da pochissimo (11 mesi) ho un’attività in proprio che non ho abbandonato ne ridotto (una decina di ore al giorno la dedico sempre la lavoro) e riesco a gestire il sistema in cui mi trovo grazie alle ragazze in gamba che lavorano con me e soprattutto grazie all’uomo che ho sposato che si dedica a nostra figlia con amore costante e materno, direi.
        Credo che la classificazione delle donne in madri e non madri sia commettere un grave errore. Lavoro con donne, a stretto contatto con l’universo femminile e lo conosco molto bene. Ho visto donne diventare madri e poi non riuscire a gestire la situazione, ho visto donne non riuscire ad avere figli e soffrirne tantissimo..
        Se una persona compie una scelta consapevolmente e assieme alla persona che ama tutto ciò che avviene in seguito non potrà che essere positivo compresi sacrifici e momenti di difficoltà. Guardo lei e mi commuovo, guardo lei e suo padre assieme e penso che questa sia la vera felicità e auguro a tutti di provare, almeno una volta nella vita, una gioia così piena ed intensa sia data da un figlio o da qualsiasi altra soddisfazione personale.
        Lisa

      • Puffa 18/08/2015 at 15:59 - Reply

        Sembra di leggere nella.mia mente…la penso così anche io. Voglio vivere per me, non voglio vivere per in altro, che sia un marito, un genitore o un figlio. Il mio istinto DI ACCUDIMENTO, il mio desiderio di dare amore lo dono al mio cane, e quanto sarebbe bello se le donne, almeno prima di fare un figlio, svuotassero i canili…sia per capire quante responsabilità e compromessi ci sono solo con un cane, sia per conoscere un amore sconfinato…

      • Valentina Parmigiani 09/05/2016 at 10:33 - Reply

        Hai ragione. Io ho 39 anni, pluri laureata, master, single. Non riesco a trovare un compagno perché mi dicono che ho troppa personalità. Pensa che idioti! Sono felice, viaggio e la mia vita è bellissima. L’istinto materno non esiste, è un’invenzione dei maschi.Ciao.

      • Vera 22/02/2017 at 18:24 - Reply

        Anonimo sei una perla rara..mai sentito un uomo esprimersi cosi nei confronti di una donna che decide di non diventare madre… sei unico …grazie

      • Sonia 20/02/2018 at 22:30 - Reply

        Hai descritto perfettamente tutto.
        Non credevo si potesse.. Grazie.

    • Anonymous 28/10/2013 at 15:04 - Reply

      anonimo, da donna, hai spiegato tutto nel miglior modo possibile…fiera di essere childfree e di “pretendere di più”.
      ti stimo

    • Anonymous 28/10/2013 at 15:28 - Reply

      Anonimo sei MITICO!!

    • Anonymous 28/10/2013 at 15:29 - Reply

      W I CHILDFREE!!!!

    • Xiuhcoatl 28/10/2013 at 16:32 - Reply

      Signor Anonimo, chapeau e qua la mano! Child-free e fiera di esserlo!

    • Miss Claire 09/11/2013 at 11:39 - Reply

      Grande ANONIMO!!! Il ragionamento non fa una piega 😉 CHILDFREE e ORGOGLIOSA di esserlo!!!! 🙂

    • Miss Claire 09/11/2013 at 11:41 - Reply

      Grande anonimo!!!! Il ragionamento non fa una piega 😉 CHILDFREE e ORGOGLIOSA di esserlo!!!! 🙂

  5. sandra s 20/11/2012 at 17:51 - Reply

    mi piace!!! 🙂

  6. ero Lucy 20/11/2012 at 19:15 - Reply

    Concordo con la chiosa de La solita 🙂
    d’altronde, quando se ne parla, si e’ gia’ mezzo deciso. Belle riflessioni norma jane. Mi sa che mi ispiri un post.

  7. Moky 20/11/2012 at 20:20 - Reply

    Bellissimo post, belle parole, davvero.

  8. Laura 20/11/2012 at 20:41 - Reply

    Qualcosa si perdono, qualcosa di speciale ! e anche chi, come noi, non avrebbe scommesso su una gravidanza, adesso non può fare a meno!

  9. Che bel post che belle parole!! Brava… Davvero… Io mi devo laureare e ne ho sentite di persone che mi hanno detto che potevo aspettare di finire e che qyindi hanno pensato che ero stupida.. Ma io sono felicissima cosi! Quelle supermlaureate in carriera arriveranno a un certo punto e probabilmente sentiranno la mancanza di qualcosa.. O magari staranno bene cosi chi lo sa..sono scelte di vita..

  10. Ottavia Testore 20/11/2012 at 21:51 - Reply

    Bel post, soprattutto interessante.
    Io sono una laureanda 24enne fuori corso, ex call-centerista, mamma di due bambini di 1 anno e 3 anni.
    Non sono forse il modello di intelligenza, carriera, e quant’altro, ma sono una persona felice, e penso che sapersi dirigere verso la propria felicità, rincorrerla, afferrarla, stringerla ed amarla sia un grande segno di intelligenza.
    Non sono nata per essere solo una cosa.

    • norma jane 20/12/2012 at 21:19 - Reply

      Esatto che poi la carriera corrisponda a felicità… chi l’ha detto….?

  11. Starsdancer 20/11/2012 at 22:06 - Reply

    Uh ma pensa a quanto sono poco furba e intelligente io, laureata facevo un dottorato e ho deciso di mollare tutto per cosa? per amore di quelle due piccole palle al piede che ho come figli e anche della mia salute mentale e sai che è stata la decisione più intelligente e ponderata della mia vita 😛

  12. MamaSpice 21/11/2012 at 0:10 - Reply

    Mi piacerebbe commentare ma la farei troppo lunga.Anche a me ispiri un post:)

  13. ilmiosuperpapa 21/11/2012 at 9:25 - Reply

    PS. inoltre identificare intelligenza a laurea e master mi sembra proprio riduttivo…cultura, istruzione, opportunità, non sono sempre sinonimo di intelligenza… per fortuna direiii

    • norma jane 20/12/2012 at 21:24 - Reply

      concordo

    • Anonymous 28/10/2013 at 15:06 - Reply

      concordo…infatti vedo un sacco di mamme qui nei commenti che si reputano intelligenti solo perchè hanno 2 titoli -_- se pensate che sia solo chi è riuscito a PERMETTERSI (economicamente intendo) una laurea, non avete capito proprio nulla…. e il binomio childfree – intelligente, di fatti, non si limita a quello

  14. Anonymous 21/11/2012 at 10:29 - Reply

    Bellissimo post Elena!!!!
    Sara G.

  15. verdeacqua 21/11/2012 at 12:56 - Reply

    sesso a qualsiasi ora e ovunque è la mia numero 1. Anch’io sono laureata e masterizzata. A dirla tutta sto prendendo la seconda laurea specialistica in Macchinine. inoltre mii sento molto intelligente, quando sono riposata.

  16. UnaMamma Snob 21/11/2012 at 15:13 - Reply

    Essere mamma è la cosa più bella perchè le nostre mamme sono le cose più belle che la vita ci ha donato. Con i loro pro e i loro contro. Figli compresi. Punto. 🙂

  17. angela mammasuperabile 21/11/2012 at 15:48 - Reply

    secondo me le donne che non hanno figli non è che sono più intelligenti
    se rimani incinta all’università difficilmente la finisci e da lì c’è il distinguo scolastico
    se non si va fuori corso di riesce a prendersi una laurea triennale e un master di 1° livello e fare un figlio entro i 27: io ne sono la prova!

  18. elisa 21/11/2012 at 16:10 - Reply

    che dire se non: eh già…” io un figlio ancora non ce l’ho e lo ammetto decidere di poter rimanere incinta non è stato facile. Avevo paura di perdere tutte le cose che hai elencato tu e forse ancora un po’ ce l’ho ancora sta paura ma capisco che un figlio è anche una grande risorsa, un gran bella cosa fra due persone che si amano. E mi sento cmq intelligente anche dopo aver fatto questa scelta. Capisco però le donne che fanno fatica a scegliere.
    grazie per il tuo bel post, mi ci sono ritrovata un sacco e mi è scesa qualche lacrimuccia da donna di pancia che sono.
    Elisa

  19. dottoressa marzia 21/11/2012 at 16:33 - Reply

    io ho laurea specializzazione e doppio master…ma non ho figli..non sono più intelligenti i tutte voi ma ora alla soglia di 33 anni mi rendo contodi avere tanta paura nell’affrontare un viaggio del genere..questo è quello che mi dico..al mio compagno che invece ci strugge dico che sarebbe dura bla bla….ma nn riesco a dire la verità e basta che HO PAURA!
    beh..per me essere intelligenti è anche sconfiggere le proprio paure..e tu Ele molto simile a me ci sei riuscita…chissà cosa accadrà 🙂

    • norma jane 20/12/2012 at 21:26 - Reply

      bisogna buttarsi!
      senza paracadute!
      un bacione 🙂

  20. Mamma Che Paura! 23/11/2012 at 18:05 - Reply

    parole santissime. Anche io sono laureata e masterizzata e ho pure un lavoro a tratti assurdo, e sono diventata mamma. Forse sono stupida, ma quando alcuni maschietti mi invitano a ripensare al mio lavoro, mi chiedo se pensano che anche la loro mamma sia stupida!

    • norma jane 20/12/2012 at 21:27 - Reply

      E poi c’è chi come te che sta facendo cambiamenti bellissimi, con un figlio!

  21. Gina Barilla 25/11/2012 at 14:43 - Reply

    Io, come tante, ho una laurea e un master.
    Ma ho capito che serve a poco avere tanti titoli di studio se poi non sai leggere la “vita” nel modo più importante, attraverso le priorità più grandi: la salute e il benessere delle persone che ti vogliono bene e che ti stanno accanto.
    Un domani, nessuno si ricorderà del culo che ti sei fatto al lavoro, ma i tuoi cari cari si ricorderanno per sempre dell’amore con cui li hai circondati

  22. Psicologia e psicoterapia 26/11/2012 at 10:33 - Reply

    Io ho 2 lauree ed una specializzazione, faccio un lavoro appagante, convivo con il mio principe azzurro, non ho figli, non ne voglio, non ne cerco. Non mi ritengo più intelligente delle donne che hanno figli, semplicemente non ho l ‘istinto materno, vivo serena con il mio compagno, ho 35 anni e mi piace la mia vita così com’è. Non giudico che ha figli, forse bisognerebbe smettere di vedere una donna meno donna, una famiglia, meno famiglia se non ci sono dei figli!
    Laura

    • norma jane 30/11/2012 at 14:08 - Reply

      grazie del tuo commento!
      Secondo me la vita senza figli ha i suoi vantaggi e non pochi rispetto a chi ha figli.
      Come per chi ne ha solo uno è diverso da chi ne tre o quattro.

      E’ vero la donna è sempre donna, con figli, se lavora o se non lavora, se è single o accoppiata ed è un peccato che ci siano ancora queste discriminazioni sul genere femminile mentre un uomo può essere single e senza figli anche a 50 anni senza nessun pregiudizio.

  23. Anonymous 06/12/2012 at 13:26 - Reply

    bellissimo questo post, elena! federica sp.

  24. Anonymous 18/12/2012 at 21:49 - Reply

    finalmente l’articolo di grazia che aspettavo. Ho un dottorato di ricerca preso all’estero. Non ho mai desiderato minimamente rimanere incinta, per me la maternità raggruppa quanto di più mediocre, retorico, ignorante e nazional-popolare. Sono in coppia da 5 anni ma non ci penso proprio. Per me le madri di famiglia sono èersone di serie B.

    • LaDivaDelleCurve 19/12/2012 at 12:24 - Reply

      Quindi tu sei nata da una persona di serie b? E da chi dovrebbero nascere le prodi ricercatrici di serie a a questo mondo?

    • LaDivaDelleCurve 19/12/2012 at 12:24 - Reply

      Quindi tu sei nata da una persona di serie b? E da chi dovrebbero nascere le prodi ricercatrici di serie a a questo mondo?

    • Starsdancer 19/12/2012 at 14:28 - Reply

      Meno male la figlia s’è presa un dottorato di ricerca!

    • norma jane 20/12/2012 at 21:22 - Reply

      che poi il dottorato di ricerca a quale grado di emancipazione e intelligenza corrisponde?

  25. CRICCA 19/12/2012 at 11:42 - Reply

    credo che questo post non sia da commentare…è DECISAMENTE DI SERIE B!

  26. Lafranci 19/12/2012 at 12:01 - Reply

    Cene fuori, aperitivi… CINEMA!!! e ancora: Sesso e domeniche-divano-letto mancano un casino anche a noi… (la lacrima Franci…la lacrima…. adesso la pianto giuro)
    Essere mamma è una vita di forti contrasti che si sfidano continuamente mettendoti ogni giorno alla prova.
    Penso che con un figlio la verità sia semplicemente questa: ti fanno diventare i capelli bianchi ma allo stesso tempo una madre morirebbe veramente per loro. Esiste amore più grande?

  27. Mathilda Stillday 19/12/2012 at 12:03 - Reply

    Ciao, come te anche io ero del “non avrò figli” e come te poi ho cambiato idea.
    Concordo che la maternità sia mitizzata per molti aspetti e che immagini di mamme sorridenti con bambini piccoli inganni perchè non fa comprendere la fatica e l’impegno che c’è costantemente.

    Volevo dire però a chi considera le mamme persone di serie B e la maternità qualcosa di mediocre, retorico e nazional popolare che l’intelligenza non è data da un dottorato di ricerca o da una laurea. Se vogliamo fare quelle emancipate, distinguiamo la cultura (che si acquisisce a scuola nei vari gradi di formazione) dall’intelligenza che è altro e non ha nulla a che vedere con i pezzi di carta.

  28. Anonymous 19/12/2012 at 14:18 - Reply

    Mi sembra la provocazione più oziosa ed immotivata sulla faccia della terra. Tra l’altro, laddove viene riproposta e rilanciata nel Paese europeo che meno di tutti si sforza di garantire un minimo decente di assistenza ai genitori. E che costringe le donne a scegliere tra figli e lavoro…

  29. norma jane 20/12/2012 at 21:31 - Reply

    Io credo che ognuno abbia un’idea e-o uno stereotipo della maternità, che spesso arriva dalla propria madre e dall’immagine che la genitrice ci ha trasmesso della maternità.
    Perciò, quando sento donne che sparano a zero sulla maternità, senza sapere in prima persona di ciò che si tratta mi sembra che sia più un riscatto a una madre che il suo ruolo non l’ha vissuto benissimo.
    A naso eh, che non si offenda nessuno!

  30. mammadeinchina 12/03/2013 at 17:38 - Reply

    rileggo per caso questo tuo post ad un mese dalla nascita del mio piccolino…e mi ritrovo con le lacrime agli occhi…saranno gli ormoni dell’allattamento, o sarà che è tutto vero…le notti in bianco, le coliche, la mancanza di tempo perfino per una doccia o un boccone al volo, le domande sul futuro lavorativo..ci saranno anche momenti duri, ma quel qualcosa di unico e irrepetibile vale davvero la pena di non perderselo!

  31. Elena 26/07/2013 at 9:11 - Reply

    Leggendo il tuo post mi sembra di passare una lente di ingrandimento sulla mia esperienza pre e post mamma. Sei davvero esilarante!
    Ci sono due frasi che hai scritto che traducono bene quello che sono e che mio figlio rappresenta per me:
    “Il mio punto debole è, ed è sempre stata, la mia dipendenza dalle emozioni (…) Quelle emozioni che nascono dalla pancia, come i figli.”
    e…
    “Tutte emozioni impetuose e irripetibili. Che nemmeno gli amori più tormentati, scenografici e passionali ti regalano”.

  32. Mamma Avvocato 28/07/2013 at 7:51 - Reply

    So che è passato molto tempo da quando hai scritto questo post ma io lo leggo solo ora e non posso fare a meno di scrivere: meraviglioso!!
    Concordo in tutto, dalla prima alla ultima parola, anche in merito alle cose che mi mancano di più del prima.
    Hai colto nel segno: ci sono emozioni che solo un figlio può darti e chi non sarà mamma non saprà mai ciò che si perde. Non tornerei indietro per tutto l’oro del mondo…scontato ma vero, non so dirlo in altro modo.
    E sono laureata con 110 lode e menzione, ho passato l’esame di stato al primo colpo e mi reputo non proprio cretina ( anche se sono più una che si applica che una che ci arriva per intelligenza pura) eppure il nano è la mia conquista più grande.

    • Elena Jane 28/07/2013 at 13:36 - Reply

      Anche per me mio figlio è la mia conquista più grande!

  33. Anonymous 29/07/2013 at 14:13 - Reply

    Cara ragazze, probabilmente avete ragione, ma non cadete nell’errore di pensare che chi ha un figlio ha una marcia, un’intelligenza e qualcosa in più… nè in meno…
    Solamente caoita che la vita ti riserva un destino che spesso è diverso da quello che immaginavi, così ti ritrovi con un figlio e non ci avevi mai pensato o ti ritrovi senza un figlio (pur volendolo) e allora provi a immaginare quale scusa inventare a te stessa e al mondo per giustificare questa enorme assenza…
    Giudicare è comunque sempre sbagliato e mai indice di intelligenza.

    • Elena J 28/10/2013 at 15:29 - Reply

      nessuno vuole giudicare chi ha scelto diversamente!
      Almeno non è mia intenzione!

  34. Anonymous 27/09/2013 at 0:04 - Reply

    Io direi semplicemente che ognuno deve fare come la testa e il cuore gli dice.
    I giudizi fatti solo per denigrare (le donne con figli sono più stupide) o per autoesaltarsi (le donne senza figli sono più intelligenti) sono segno di ignoranza. Altro che intelligenza!

  35. Anonymous 18/10/2013 at 15:41 - Reply

    Io ho una laurea e a 28anni ero gia’ all’estero come vice-responsabile in una multinazionale famosa..praticamente in carriera!
    sempre in tiro, tra mille impegni, l’orologio in mano, super-attiva.
    ora a 33 di professione faccio la neo-mamma! 🙂

    Sinceramente? preferisco mille volte passare le giornate all’aperto col mio pargolo e giocare che rinchiusa in un ufficio a risolvere problemi grossi 12 ore al giorno, tra riunioni, capocci stronzi, caffe’ senza sapere che tempo fa fuori e vedere la mia vita passare veloce giorno x giorno senza rendermene conto!
    penso sarei arrivata a 65anni in un lampo!
    Ora mi godo ogni singolo momento con mio figlio e sono molto piu’ felice e soddisfatta!!

    Forse perché per me da’ molta piu’ pienezza una giornata di gioco in famiglia che risolvere un problema aziendale in giornata!
    Questo vuol dire essere meno intelligente?

    Magari un giorno tornero’ a lavorare ma per ora non soffro proprio la mancanza!!

    • Elena J 28/10/2013 at 15:29 - Reply

      ho fatto il cesareo non so cosa si prova

    • ero Lucy 28/10/2013 at 21:03 - Reply

      Lo sai cicci che poi passa? E comunque, non credo che quando si decide di avere un figlio l’episiotomia e’ il primo pensiero.
      A meno che tu non abbia una fissazione maniacale e allora beh, il problema e’ tuo.

  36. Elena J 28/10/2013 at 15:55 - Reply

    Ma tu dell’ANONIMA CHILD FREE, io ti capisco che non vuoi figli, sei fiero di non essere prole dotato, sorridi di più di noi genitori eccetera eccetera.

    Ma proprio perché non hai figli, responsabilità e impegni vari, non hai niente di meglio da fare che postare link di vagine che hanno appena partorito?

  37. ginxisw 09/01/2015 at 16:50 - Reply

    Io sono per la via di mezzo, per l’equilibrio che bisogna cercare e creare in tutte le situazioni…verissimo che l’intelligenza, la preparazione e le capacità di molte donne viene sacrificata con la scelta tra riprodursi o fare carriera e questo è atroce. Le prime testimonials dell’infelicità e della frustrazione forzata sono le donne con “le carte in regola” sposate e” riprodotte” ma il cui lavoro da casalinghe non è oggetto di realizzazione, nemmeno ai fini prevideziali….autoconvincersi che si sta bene, magari sfogandosi sui figli, non risolve la situazione…cosi come sfogarsi tentando di mettere in imbarazzo donne libere e non sposate che fanno scelte diverse. Che in Italia ci sia il più alto tasso di denatalizzazione non è per niente un caso…colpa dello Stato e colpa della società…gli uomini in altri paesi accettano donne che non si occupano solo della casa e dei figli e lievitano tra dolci e ricette per poi piangersi adosso perché non hanno un ruolo sociale che le gratifica.

    Fare un figlio non è bere un bicchier d’acqua…trovare una persona equilibrata e responsabile è solo metà dell’opera e il cambiamento di vita, pesa sempre di più sulle donne “uccise” mentalmente dal tarlo della doppia soggettività: “io madre-io donna”. Chi si ritrova col corpo sformato e trasformato già fatica ad accettarsi quando vede una qualsiasi donna ricca in tv, al nono mese di gravidanza sottopeso e con il post, piallata da liposuzioni e diete da lager. L’equilibrio si creerebbe se il paese si modernizzasse davvero su temi importanti come questo.

    Per il resto, ben vengano le donne che diventano qualcuno, che si affermano e se non diventano madri sono utili e importanti quanto gli uomini scapoli senza figli.
    Margherita Hack ha dichiarato più di una volta che la sua vocazione è sempre stata la scienza, non ha rimpianto la mancata maternità.

  38. ginxisw 09/01/2015 at 17:02 - Reply

    Le donne devono lavorare come gli uomini e poter scegliere come loro, punto. Le suore non si suicidano per non essersi riprodotte. Le madri non pronte e con un uomo accanto alle prese con la depressione post partum, invece si….essere indipendenti con un lavoro che ti gratifica e scegliere di avere figli è molto diverso che dover stare a casa e avere figli. E la frustrqazione si riversa sui figli e sul marito per forza di cose. Chi vuole convincere del contrario, mente a se stesso.

  39. Giada 18/01/2015 at 14:39 - Reply

    Sono anche io laureata e con un master. Non ho ancora un figlio. Sono in un’eterno dubbio : fare un figlio qualunque cosa succeda, farlo nel momento giusto o non farlo proprio perché secondo te non ci sono i presupposti.
    Ripeto a me stessa e alle mie amiche i figli non sono soprammobili e non possono essere cresciuti da soli. Forse mi sbaglio. Ma in questo non credo che si debba parlare di essere più o meno intelligente. Ammiro le donne mamme e il loro modo di essere molto più multitasking di me. Faccio la zia e va bene così.

  40. Milly 29/01/2015 at 10:23 - Reply

    Vorrei aggiungere la mia modesta opinione. Trovo una sciocchezza definire donne con figli o donne senza figli stupide rispetto alla categoria avversa. Ho conosciuto madri incredibilmente intelligenti come donne senza figli che lo erano altrettanto, e viceversa. Ho rispetto per entrambe le scelte di vita e ho stima sia per mamme che per donne senza figli realizzate. Però non sono d’accordo su un punto: non si può affermare che i figli sono gli unici a regalare emozioni così forti. Nessuno, purtroppo o per fortuna, può vivere più vite contemporaneamente e chi non ha figli si perde cose irripetibili.
    Ma è giusto sottolineare che anche donne senza figli vivono vite incredibili e costellate di affetti sfacciatamente emozionanti che le madri non proveranno mai. Entrambi i tipi di vita a mio parere si equivalgono per pro e per contro, sta al singolo individuo riuscire a capire a cosa pesa meno rinunciare e a cosa più riesce a guadagnare. Lavoro come ginecologa e ho visto sia madri pentite dei figli sia donne che non ne hanno voluti e che li hanno desiderati tardi. Come ho visto persone felici e mai pentite di averne fatti molti e donne a non aver intrapreso la maternità. A mio avviso l’unico grande rischio è fare ciò che non si vuole perché imposto dalla società, in entrambi i sensi. Credo che più tolleranza e più comprensione tra i due fronti childfree e mamma convinta farebbe stare meglio tutti. Buona giornata.

    • Elena J 29/01/2015 at 11:32 - Reply

      grazie, mi piace molto il tuo commento. Credo che il titolo dell’autrice sia una provocazione (o meglio una strategia di marketing). E come dici tu non si possono vivere più vite contemporaneamente, quindi ogni scelta di vita comporterà delle emozione piuttosto che altre.

  41. Marta 13/06/2015 at 0:02 - Reply

    fare figli è bello finché sono piccoli, ma quando saranno grandi? è questo il punto di domanda, i bambini sono stupendi, ma poi da adolescenti, da adulti? come diventeranno? e se ci deluderanno? se faranno scelte sbagliate? per me questa è la cosa più difficile dell’essere genitore, crescere individui che un giorno potranno dare qualcosa di buono alla società
    per me tante donne fanno figli fermandosi alla bellezza di quando sono piccoli, poi quando crescono si dimenticano di educarli e i risultati li abbiamo sotto agli occhi…dai peggiori casi alla generale antipatia delle nuove generazioni

  42. Clara 07/07/2015 at 11:10 - Reply

    Scusate … Ma se non avete un lavoro di cosa campate?

    • Elena J 07/07/2015 at 11:35 - Reply

      facciamo le mantenute

      • Clara 08/07/2015 at 20:15 - Reply

        E ti pare bello? I mostri mariti compagni devono guadagnare un sacco di soldi…

  43. Stefano 12/07/2015 at 15:07 - Reply

    Mia moglie ha perso il lavoro dopo la seconda gravidanza, ora che sò di questo libro sò cosa non si deve leggere. Sulla questione furbizia chi lo ha scritto è un genio, perchè è la dimostrazione che la stupidità non ha mai fine, e soprattutto che una donna non deve avere figli per essere intelligente è una affermazione da ESTINZIONE… è proprio vero le donne intelligenti non fanno figli.. ma per fortuna che ci sono le cretine che li fanno un grazie a mia moglie ed a mia madre, senza di loro non ci sarei io e non avrei due splendide piccole pesti

    • Elena J 12/07/2015 at 21:28 - Reply

      sono molto d’accordo. Applausi per te. Mi dispiace per tua moglie e il suo lavoro

  44. LINDA 30/07/2015 at 15:28 - Reply

    Mamma di due bimbi lavoro nel azienda di famiglia a tempo pieno il pomeriggio ho i bimbi a lavoro con me adoro cucinare ,non sono laureata perche’ la scuola non mi piaceva e quando posso faccio spettacoli col fuoco in locali esco con bimbi e amiche spesso!!Insomma non ho niente da invidiare a chi non ha figli!!

  45. G 05/08/2015 at 11:44 - Reply

    Non è vero se le donne fanno figli non vuol dire che sono meno intelligenti di quelle che non li fanno e poi se fanno dei figli danno origini a un nuovo essere umano e questa è una cosa bella

  46. Ragazzafelicesenzafigli 20/08/2015 at 3:38 - Reply

    Avere figli è una scelta! Senza si sta benissimo..ma chissà un giorno se mai mi capiterà potrei ricredermi ( ne dubito!) E cmq nn potrei permettermi di andare a lavoro assonnata..

  47. Monica 25/09/2015 at 18:58 - Reply

    Ciò che trovo sbagliato, assurdo, da medioevo e retrogrado è l’instillare l’idea nelle donne che anche solo facendo la mamma e non lavorando va benissimo.
    Per come la vedo, l’idea con cui dovrebbero esser cresciute le bambine, poi ragazze, ecc…, (e anche i maschi) è che tutti devono lavorare, uomini e donne. Perché? Perché il lavoro nobilita, perché se non ci si sposa o viene a mancare il partner ci si può mantenere da soli (e anche gli eventuali figli) senza morire di fame.
    Lo Stato italiano, purtroppo, fa di tutto per scoraggiare la possibilità di lavorare e avere figli, Stato in cui la mentalità retrograda la fa da padrone (è la donna che deve accudire i figli….ma dove cavolo sta scritto??), che ti spinge ad avere figli e a restare a casa.
    E io mi sono fatta una mia opinione sul perché i politici italiani (il 99% maschi) lavorino in questo senso….perché sanno benissimo che le donne sono MOLTO più intelligenti degli uomini (è stato provato anche scientificamente…le donne hanno un cervello molto più elastico, multitasking, al contrario di quello degli uomini che è molto più rigido), per cui ne hanno paura (degli scienziati uomini hanno affermato ciò…ci sarà qualcosa di vero, no?).

  48. D1962 06/10/2015 at 8:35 - Reply

    Ho 43 anni un rapporto stabile da 20 e non ho figli.
    Non sono laureata ma ho deciso di non avere figli per comodità. Cosa c’è di strano? Nulla.

    Non giudico nessuno ma io vengo giudicata da colleghe amiche e famiglia.

    Me ne frega? Nulla, perché sono serena circa la mia scelta.

    Allora non sarò intelligente o mamma ma sono una persona libera dai condizionamenti e questo è un lusso, più del fare sesso quando voglio o stare a letto se mi va

  49. kira 09/11/2015 at 22:25 - Reply

    Ciao Elena,
    io sono una quasi trentenne mamma di un figlio di quasi due anni e mi sono ritrovata nei tuoi stessi pensieri in questo post molto bello. Mi piace di te la sincerità e l’umiltà con cui hai espresso tante gioie e frustrazioni che tante donne non riescono ad esprimere. Brava, ti ammiro!
    Riguardo alle mamme child-free è assolutamente una scelta che rispetto ma non riesco a negare il fatto che cercano sempre di evidenziare la loro scelta con un piccolo tono di disprezzo nei confronti di chi nel 2015 ha ancora voglia di avere figli. Mi ferisce molto perché da donne libere ed emancipate bisognerebbe apprezzare ogni tipo di scelta che ognuna fa, ricordando, proprio come tante hanno scritto, che prima di tutto dovremmo ricorda di ringraziare le nostre di madri che ci hanno dato la vita. Non scorderò mai le parole di quella che era la mia migliore amica (child-free per eccellenza) che, durante la gravidanza mi ha detto “ti sei rovinata la vita”.
    Un abbraccio, non vedo l’ora di leggerti ancora!

    • Elena J 10/11/2015 at 10:56 - Reply

      ciao! Anch’io ho visto spesso acidità, dietro a certi commenti di chi figli non ne aveva e il suo essere child free lo faceva quasi come uno status simbol. Poi ho scoperto che spesso queste persone avevano dietro storie di amori e progetti familiari naufragati, gravidanze interrotte etc. Quindi la loro acidità spesso nascondeva qualcosa. Quelle che dei figli non gliene frega davvero niente non te lo fanno davvero pesare che tu sei mamma e loro no 🙂

      • Matrix 16/06/2017 at 7:02 - Reply

        Sei super intelligente, bella osservazione.

  50. And 02/06/2016 at 9:29 - Reply

    Ma finitela con queste infinite chiacchiere.
    Ognuno è libero di fare ciò che vuole, senza essere condizionato da nessuno.
    Chi sta bene con se stesso sta bene ovunque, a prescindere se sia il presidente di una multinazionale.
    Cordialmente

  51. Site 08/06/2016 at 6:18 - Reply

    Questo e un libro sulle donne senza figli . Non e un manuale e non offre nessun consiglio. Pone, invece, una domanda.

  52. Silvia 12/07/2016 at 16:33 - Reply

    Ma perché queste child free sono tutte così inca–ate??? Fate un po’ quello che vi pare, ognuno è libero di scegliere la vita che vuole, grazie al cielo.
    Complimenti per il blog, bellissima mamma e blogger di Ibiza!
    Silvia

    • Elena 16/07/2016 at 10:27 - Reply

      ma grazie <3

  53. Vezzo 21/08/2016 at 0:40 - Reply

    Se tornassi indietro deciderei di essere madre solo per potermi tenere il lavoro o per poter prendere i soldi ad altri a titolo gratuito come fan tutte non certo per il figlio ma non vorrei un marito perché non sopporterei solo l’ idea di essere a sua disposizione 366 giorni all anno che angoscia

  54. Matrix 16/06/2017 at 6:57 - Reply

    Donne siete tutte fantastiche.ha vostro servizio sempre,fate le vostre scelte.se pensate di farle giuste o sbagliate: ci sarò sempre per belle gnocche. Ps:per cofani di monnezza no!!!

  55. […] articolo che evidentemente ha fatto discutere su The Yummy Mom Le donne intelligenti non hanno figli, è di un anno fa, ma io l’ho letto solo […]

    • Elena 08/03/2018 at 11:36 - Reply

      scusa se rispondo solo adesso al messaggio ma erano finiti in una cartella che scopro solo ora i commenti..

  56. Stanca 16/10/2017 at 6:41 - Reply

    Ma smettetela mamme di dire che è meraviglioso! È un incubo essere mamme, non sei più felicfelice e sorridente come prima. Non sei in forma come prima e sei sempre stanca. Sono una di quelle laureate, in carriera che per fortuna ha deciso di non abbandonare o diminuire il lavoro….la sera non tornerei mai a casa… a casa sono stanca a lavoro no. A casa mi deprimo a lavoro no… i bambini rompono i c….. dalla mattina alla sera. Sfornate a chi dice che ti ripagano dei sacrifici. A me la maternità ha rovinato la vita … stavo così bene otto anni fa…

  57. giu 18/10/2017 at 19:28 - Reply

    C’era una mia amica dell’università che non imbroccava una relazione con l’altro sesso degna di essere ricordata, se non per tragicomici epiloghi. Una che schifava le relazioni amorose, ma poi appena un maschio prevaricatore, prepotente e possibilmente parecchio poco incline al fidanzamento la avvolgesse per qualche settimana tra le sue spire, lei: spariva, cambiava personalità e non esisteva più per nessuno. Un déja vù perenne, un loop. Al di là delle mie preoccupazioni come amica all’epoca, se guardo ora quello che siamo diventate, vedo lei nuovamente sparita da quando sono mamma e vagamente schifata della mia mielosa vita familiare da casetta con giardino. Però la conosco bene e non sa nascondermi che lei vorrebbe la stessa cosa, forse molto più di quanto l’avrei voluta io qualche anno fa. La favoletta della volpe e l’uva? Insomma, ma tutti questi childfree orgogliosi che cosa ci fanno qui sul blog di una super mamma? Non si annoiano a morte? O vengono a fare propaganda?
    Emancipiamoci, vi prego, da questi tristi stereotipi e liberatevi dalle pressioni della società: se volete avere solo figli e non volete lavorare -e se potete permettervelo-, fatelo! E se invece volete fare solo carriera e non avere figli, che cavolo ve ne importa del blog di una mamma? Non vi sentiate obbligati a giustificarvi, almeno non qui.
    Buona vita!

    • Elena 08/03/2018 at 11:44 - Reply

      approvo!

    • Caterina 03/08/2018 at 2:55 - Reply

      fossi la tua amica preferirei non avere un’amica come te, sono sincera

  58. silvia 21/12/2017 at 14:42 - Reply

    PER FOTUNA NON ENTRERO’ MAI NEL MONDO DELLA MATERNITA’ HO 48 ANNI E SONO FELICEMENTE SINGLE SAPETE 1 COSA CHE NON SOPPORTO? QUANDO LA DONNA PARTORISCE E L’UOMO GUARDA CHE HA DA GUARDARE? TROPPO COMODO I SIGNORI UOMINI STANNO BENE TORNANO AL LAVORO IL GIORNO DOPO TUTTI FELICI CHE RACCONTANO E LE DONNE A CASA NO NO ASSOLUTAMENTE

  59. Timo 09/01/2018 at 20:41 - Reply

    Ognuno in fondo ha diritto di optare per la strada che ritiene piú giusta. Io, uomo Italiano, 35 anni, laureato residente all´estero non ho nulla contro i bambni ma al solo pensiero di perdere una famiglia causa le mode correnti e il comportamento delle nostre contemporanee mi ha fatto optare per non fare (ancora) quel passo. Carrieriste e persone egoiste starebbero bene nell´immondizia e non é questione né di possesso di titoli di studio né di chissá quali retaggi.

    • Elena 08/03/2018 at 11:33 - Reply

      penso che si possa conciliare lavoro e maternità quando si ha accanto un uomo che ci supporta

  60. Donnalibera 21/04/2018 at 0:50 - Reply

    Io con la mia vagina voglio solo godere. Punto.

    • Elena 22/04/2018 at 16:54 - Reply

      ahahahah severa ma giusta.

  61. Alketa 25/05/2018 at 16:48 - Reply

    Non so, a me sembra che siano proprio le madri a
    Riuscita rompere le scatole a chi non ne ha e non capisco se si tratta di pure gelosia nei confronti della libertà altrui o ancora peggio vorrebbero che anche le altre facessero la vita del cavolo che fanno loro…Premesso che ognuna fa quello che vuole continuo a credere che l’ istinto materno non esista e che sia tutta una costruzione mentale indotta dalla società .Così una donna ad un certo punto della sua vita nel momento in cui si sente insoddisfatta cerca se stessa nella procreazione per darsi un ruolo, un senso, un significato che dentro di sé non è mai riuscita a trovare

  62. gap 10/06/2018 at 16:49 - Reply

    Grazie Anonymous, avevo proprio bisogno di leggere qualcosa del genere, oggi, visto che il mio compagno per 11 anni ha aspettato io cambiassi idea sul mio non volere figli e ora nulla, ci dobbiamo lasciare perché “io sono una donna e DOVREI VOLERE FIGLI” e “non posso provarlo di diventare padre”.

    Scusa autrice del post, ma non puoi minimamente dire che LE DONNE SENZA FIGLI SONO MENO STANCHE DI CHI LI ABBIA, e sai perché? Perché non tutte abbiamo come appuntamento dopo il lavoro l’apericena o l’estetista. Esistono sfigate come me che dopo il lavoro lavorano ancora di più, quindi evita di fare la martire perché non lo sei. Come non lo sono io.

  63. Caterina 03/08/2018 at 2:42 - Reply

    io non ho figli e non so se ne avrò mai perché penso che il nostro pianeta ne abbia pieni gli zebedei della nostra specie, sono sincera

    a parte questo, mia mamma mi ha avuta a 20 anni e a 50 anni era una donna magnifica, mentalità aperta, giovane nell’aspetto e nella mente eppure orgogliosissima di essere mamma, da sempre

    quindi non condivido chi dice che avere figli ti tolga quella freschezza che si ha solo senza figli
    penso sia più la storia del chi nasce tondo non muore quadrato
    fare figli non credo che ti renda una persona migliore, se sei una persona mediocre prima lo sei anche dopo

    forse sarà il fatto che fare un figlio a 20 anni è una cosa, farlo a 40 un’altra e oggi i figli si fanno sempre più tardi, forse per quello ci sono tutte queste mamme super stressate, i miei genitori mi parlavano sempre di una certa incoscienza nell’affrontare l’essere genitori giovanissimi

    oltre a questo trovo sempre curioso e pittoresco il modo in cui le mamme descrivono la loro vita ante maternità che sembra sempre uscita da Sex and the City
    non capisco perché io vedo in giro tante persone giovani e senza figli che lavorano come dei muli e di tempo per sfavillanti apericena, vacanze esotiche, mostre ecc non ne hanno proprio

    anch’io pur non avendo figli faccio una vita praticamente monacale, sarebbe ora di finirla anche con queste storie che chi non fa figli è egoista perché non vuole rinunciare a chissà che vita pazzesca, su

    • Elena 21/08/2018 at 12:33 - Reply

      nessuno ha scritto che chi non fa figli sia egoista. Chi non ne vuole fa bene a non farli

  64. Hel 16/10/2018 at 12:28 - Reply

    Io ho 35 anni e zero figli. Sinceramente leggere questo articolo mi conferma che non ne voglio proprio. Se c’ è una cosa che odio sono le emozioni. Mai piaciute e sempre evitate. Sinceramente preferisco una vita il più razionale possibile.

  65. Ale 28/11/2018 at 0:41 - Reply

    …io ho una figlia, una laurea, un master, e…. non lo rifarei. Ci pensavo oggi mentre per l ennesima volta ero li a combattere con le lagne tra compiti, messa a letto, capricci. No io da donna tornando in dietro non rifarei un figlio. E questo non significa che non mi spenda per lei 7 anni …. tutto per renderla felice ed un adulto consapevole onesto e felice ma lo faccio perché è una responsabilità ho messo al mondo un figlio e giustamente ha il.diritto lei e il dovere io di darle il meglio. Ma oggi mentre la guardavo con malinconia ho pensato quanto era bello prima….

  66. Domenica 11/12/2018 at 17:00 - Reply

    Ale quanti anni hai?
    Comunque io ho 36 anni e non voglio figli per tanti motivi tra i quali la mia ansia, il non riuscire ad alzarmi presto per far fronte ad una vita militare alla quale non poter più sottrarsi, e non poter più tornare indietro,
    si sono fifona ad oggi, quando avevo 18 e 20 anni lo desideravo come non mai, ora no perché adoro la mia libertà finché possibile ovviamente.

    Confido in Dio e spero che mi dia la retta via e mi faccia capire se sto sbagliando, è solo questa la mia preoccupazione🙏

    Ciao donne💖

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.