Riciclare i vestiti dei figli è sicuramente una scelta azzeccata, non solo dal punto di vista economico, ma anche etico, Kate Middleton docet!

Non è un caso, del resto, se è stata battezzata la regina del recycling.

LONDON, ENGLAND - MAY 02: Prince William, Duke of Cambridge, and Prince George arrive at the Lindo Wing at St. Mary's Hospital on May 02, 2015 in London, England. The Duchess of Cambridge was safely delivered a daughter at 8:34am this morning weighing 8lbs 3oz. (Photo by Anwar Hussein/WireImage)

Negli anni, la duchessa di Cambridge ci ha abituati ad abiti già indossati ed era facile immaginare che applicasse la stessa logica anche ai suoi figli, compreso l’ultimo arrivato, Louis, nato lo scorso aprile.

Nelle prime foto ufficiali del nuovo royal baby, non è passato inosservato il cardigan blu di Charlotte, già sfoggiato dal fratello George in occasione del ritratto dei 90 anni della bisnonna, la regina Elisabetta.

Anche il maglioncino bianco indossato da Louis è stato preso in prestito dall’armadio della sorella.

VICTORIA, BC - SEPTEMBER 29: Princess Charlotte of Cambridge plays with a dog named Moose at a children's party for Military families during the Royal Tour of Canada on September 29, 2016 in Victoria, Canada. Prince William, Duke of Cambridge, Catherine, Duchess of Cambridge, Prince George and Princess Charlotte are visiting Canada as part of an eight day visit to the country taking in areas such as Bella Bella, Whitehorse and Kelowna (Photo by Chris Jackson - Pool/Getty Images)

Kate Middleton non è solita riciclare solo i capi d’abbigliamento dei suoi figli, ma anche le scarpe.

L’abitudine di non buttare i vestiti usati è senza dubbio da apprezzare e da imitare, anche quando si progetta di non avere altri figli.

In questo caso basta rivolgersi ai negozi dell’usato per bambini, come Baby Bazar, un network di negozi nato nel 2005, che sposa in pieno la filosofia del dare nuova vita ai vesititi già usati, permettendo anche di guadagnare qualcosa.

Come funziona Baby Bazar:

Baby Bazar si rivolge a mamme, papà e nonni che vogliono vendere abbigliamento, giocattoli e attrezzature che i loro bambini (da 0 a 12 anni) non utilizzano più.

Io ad esempio ho un box invaso da culle, lettini e passeggini, oltre alla mole di vestiti, scarpe e giochi che i miei figli non usano più.

Il sistema di Baby Bazar è molto semplice: si portano le cose che i bimbi non usano, si mettono in vendita e si ricava il 50% del prezzo (alla vendita ovviamente!).

I negozi Baby Bazar sono utili sia per chi vuole dare nuova vita ai vecchi capi, sia per i genitori che, dovendo acquistare capi o giochi o attrezzature per i propri figli, desiderano risparmiare.

Gli articoli, anche se di seconda mano, sono selezionati in modo che siano in condizioni perfette.

Io sto facendo una cernita di tutte le cose che i miei figli non usano più per portarli da Baby Bazar appena torno in Italia!

 

Post in collaborazione con Baby Bazar