Se siete tra i genitori che fanno vedere la TV ai propri figli e concedono il tablet ogni tanto, non preoccupatevi, non siete dei pessimi genitori. Lo faccio anch’io e penso che sarebbe impossibile crescere un figlio lontano dalla tecnologia e dalla TV a meno che non ci si voglia trasferire su un’isola deserta.

FullSizeRender-37

Quindi piuttosto che pensare di vietare completamente tablet e tv, è meglio pensare a come gestirli con i bambini.

Quando tablet e tv sono dannosi?

L’uso di tablet e TV è dannoso quando è eccessivo e fuori controllo. Cosa significa questo?

 

Che per ogni mezz’ora di TV e di tablet occorrerebbero due ore di gioco libero.

 

Uso di tablet con i bambini:

Io e altre blogger siamo state invitate da Sky, nei loro uffici, per parlare dell’uso di tablet e tv con i bambini dai tre anni in poi. Il dott. Alberto Pellai ci ha spiegato che il consiglio della società scientifica consiglia di evitare una visione:

 

– troppo prolungata

– frammentata

– inadeguata per i contenuti

 

FullSizeRender-35

E’ importante sapere che il cervello dei bambini è “in costruzione” e la parte emotiva e cognitiva creano continuamente connessioni tra loro.

Cosa è sbagliato:

Perciò un’esposizione prolungata di fronte alla TV (quindi passiva) ad esempio, non stimola la connessione tra le diverse aree cerebrali del bambino: i bambini hanno bisogno di esperienze emotive e cognitive in cui essere attivi.

Anche giocare e contemporaneamente guardare la TV è sbagliato. O si gioca o si guarda la televisione. Non va bene guardare la TV mentre si fanno altre cose perché non si impara a prestare attenzione ad un solo stimolo, ma l’attenzione è costantemente frammentata.

Anche vedere un contenuto non adeguato alla propria età può essere nocivo: un contenuto adatto ad un bambino di 6 anni potrebbe spaventarne uno di tre.

Quando la tecnologia è una risorsa?

– Quando chi fruisce può interagire: ci sono infatti molti programmi per bambini dove è richiesta una partecipazione (e quindi una stimolazione dell’area sia cognitiva che emotiva)

– Quando il contenuto è formativo

– Quando è divertente

– Quando è condiviso. (La tv e il tablet non sono baby sitter)

Il genitore cosa deve fare?

Il genitore ovviamente ha il compito di mettere un timing, programmare delle ore digital free e selezionare i contenuti.

In quest’ultimo punto viene in aiuto Sky con una nuova applicazione: Sky Kids App.

FullSizeRender-36

Quest’applicazione selezionerà automaticamente i contenuti adatti al vostro bambino, in base alla sua fascia d’età e ad altri parametri che vi richiederà durante l’iscrizione.

Così i vostri figli potranno finalmente navigare in sicurezza sia su tablet che su Sky.

Come ottenere Sky Kids:

L’app è disponibile gratuitamente per tutti I clienti Sky Famiglia e dà accesso, a centinaia di programmi sia su tablet che su Sky on demand, basati sull’età del bambino. Ci sono anche le lezioni di inglese di Disney Junior, i supereroi dei Marvel, i PAW Patrol fino alle serie per adolescenti.

Sky Kids è scaricabile da App Store e Google Play.

 

 

Post in collaborazione con Sky