Nuovi inizi a Ibiza: di passeggiate, pranzi vegani e spiagge per bambini

30 aprile 2014


Per l'ultimo post della mia collaborazione con Kiabi ho scelto di raccontare un po' di Ibiza
La mia prima volta ad Ibiza è stata tredici anni fa, con un'amica.


Prima di partire mi avevano fatto la solita raccomandazione della nonna: "fai attenzione a ciò che ti mettono nel bicchiere."
Figurati.
Invece una sera, dopo due cocktail analcolici eravamo entrambe piegate, e quando dico piegate non è una metafora, dalle risate.
Tipo che ci avevano messo qualche droga nel bicchiere e pure di pessima qualità perché il giorno dopo eravamo ancora piegate, ma dal mal di testa.

La seconda volta è stato quattro anni fa, una vera follia per lui: un bacio inaspettato e un nuovo inizio.
La terza due anni dopo, con lui che nel frattempo era diventato il mio compagno e il papà di mio figlio. E' stata la nostra prima vacanza da genitori single e proprio in quell'occasione abbiamo avuto l'idea di un ristorante, ma anche di una casa, di un agriturismo, di uno spazio per bambini e di un asilo.
E abbiamo iniziato a ritornarci sempre più spesso per trovare, conoscere e capire.
Per un altro inizio, questa volta doppio, perché da due siamo diventati quattro.


Maglia a righe Thiago Kiabi
Una delle zone che preferisco è la Marina Botafoch: abitare qui (o fare una vacanza in questa zona) significa avere tutto a portata di mano e la bellezza sotto gli occhi: il portole barche attraccate, un marciapiede larghissimo dove correre, spingere il passeggino o sfrecciare con i rollerblade, la spiaggia e il centro a walking distance.
Ci sono ristoranti, bar e nel raggio di un chilometro tre parchetti per i piccoli.
E' stupenda fuori stagione, abbastanza affollata nelle sere d'agosto - c'è anche il Pacha e Lio.
Per una colazione o un pranzo vegano c'è il Passion Cafè, un po' caro, ma buono.

La Marina Botafoch
La città vecchia, ci sarà anche il nostro ristorante
Le spiaggie più belle vanno scoperte.
Per un pranzo o una cena con i piedi sulla sabbia c'è la spiaggia di Talamanca.
Pantaloni azzurri slim fit uomo, costumino rosso bimbo, scarpe uomo e sneakers bimbo Kiabi
Borsa Pinko for Ethiopia


Se si preferisce una spiaggia più attrezzata (ce ne sono tante), si può andare a Cala Tarida o a Cala Bassa al Cala Bassa Beach Club.
Oppure a Es Cavallet al Chiringuito: una spiaggia attrezzata, con ristorante, musica e area per bambini. Propongono diverse attività per i piccoli e dai tre anni in su si possono lasciare alla tata che organizza giochi e laboratori, prima dei tre anni è necessaria la presenza dei genitori.






Thiago indossa: Maglia a righe e bermuda arancioni Kiabi 
Martin indossa: camicia e costume Kiabi
Io indosso alla Marina di Botafoch: Vestito premaman e cardigan bianco Kiabi, scarpe Zanotti, cintura di fiori handmade.
In spiaggia: costume, pareo, scarpe Kiabi

14 commenti:

  1. Ma che bella questa storia... e bellissime queste foto! Un bacio,
    Marina
    http://www.maridress.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/maridressfashionblog

    RispondiElimina
  2. quanti progetti, quante idee belle...quanta energia e bellezza! brava Elena e bravo pure a Martin. In bocca al lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso, uno per volta :)

      Un bacio e crepi il lupo!

      Elimina
  3. in bocca al lupo per tutto,vi invidio come le bestie.
    se aprite un ristorante però tocca venire a trovarvi!!!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo. Siete bellissimi e coraggiosi, grande stima per voi. In bocca al lupo e spero tanto di riuscire a venire a trovarvi, prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo vada tutto bene!

      Un bacio Tiziana, noi vi aspettiamo :)

      Elimina
  5. Ciao! Mi piace molto leggerti! In bocca al lupo per questa nuova grande avventura, a tutti e 4!;) sai, abbiamo passato qualche serata insieme grazie ad amicizie comuni..ai tempi di mid summer e idroscalo..e ora tutte e due mamme! Tra un pò dovrò fare anche io una scelta..e quindi ti chiedo quando, a tuo parere, per un bambino il viaggio, lo spostarsi spesso(tipo ogni 2 o 3 anni), ecc..smettono di essere un'opportunità e diventano invece fonte di stress..? O forse è solo la mamma ad essere stressata al solo pensiero..molto probabile...Vorrei essere più aperta alle novità, o per meglio dire, meno fifona;)
    Un abbraccio grande! Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna grazie e crepi il lupo!

      Ma sai che mi ricordo di te, eri amica di Andrea, giusto?
      In che senso spostarsi spesso, dici come viaggio - vacanza- oppure vita?

      I bambini si adattano meglio di noi, ma se noi non stiamo bene si stresseranno anche loro e stresseranno ancora di più noi!

      Scrivimi in posta
      theyummymom@gmail.com

      Elimina
  6. Per me e' un'isola un po' magica: l'adoro.

    RispondiElimina
  7. Ma allora devo venire ad Ibiza, avevo sempre avuto il desiderio di vederla ma non ci sono mai stata. In bocca al lupo a voi quattro, ve lo devo dire, siete da copertina ::)

    RispondiElimina
  8. in bocca al lupo per tutto!
    e sappiate che non vi invidio, sole mare e nuova avventura, no no ;)

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...