Tradimento: pensieri di un'ex infedele

05 gennaio 2014


Secondo un recente sondaggio dell’Ami sul tradimento (associazione avvocati matrimonialisti italiani) il trend degli ultimi anni vede le coppie molto tolleranti nei confronti delle scappatelle fini a se stesse.
Il 14% degli intervistati non mette in discussione il rapporto per una notte di sesso extraconiugale, per uno su tre un bacio con un altro non significa nulla e quasi nessuno se la prende se il partner ha fantasie sessuali su un’altra persona.

 Io sono un’ex infedele: non credo (o non credevo?) nella monogamia come istinto, ma come imposizione: morale, psicologica, sociale o di genere.
Poi sono cambiata.
Non c’è stato un momento preciso, ma a un certo punto della mia vita mi sono accorta di essere diventata fedele.
Non credo che la questione consista nell'essere più o meno innamorati o nell'aver trovato la fantomatica persona giusta.
Mi sembra una spiegazione troppo banale.
O almeno non è solo quello.

Una volta, pensare di stare per sempre con lo stesso uomo mi sembrava uno di quegli incubi in cui il soffitto diventa sempre più basso e le pareti sempre più strette e tu ad un certo punto muori schiacciata.
Pensavo che non ce l’avrei mai fatta ad avere una famiglia senza una via di fuga, un piano B, una doppia vita.

Ora al solo pensiero di scambiare liquidi corporei con altri uomini che non siano Martin mi rivolta lo stomaco.
Figuriamoci doppie vite, che fatica.

Mi sono anche chiesta, a un certo punto, se non mi piacessero più i maschi e se avessero iniziato a piacermi le donne, ma no, l’idea di scambiarmi effluvi con altre femmine mi rivoltava allo stesso modo.
E in tutti questi pensieri il mio desiderio nei confronti di Martin non si è mai spento anzi, forse rispetto a quattro anni fa, è cresciuto e maturato.

E proprio qui sta il punto.
Sono maturata.
Ho capito che i rapporti li puoi vivere in due modi.
Orizzontali o verticali.

I rapporti sono orizzontali quando non vai a fondo, non ti metti in discussione, non rischi nulla.
Credi di fare tutte queste cose invece vivi con delle protezioni e degli inganni: “croce vinco io testa perdi tu”.
Metti in mezzo altre persone, perché più persone ci sono più sei distante da tutti.

Poi, quando inizi a vivere i rapporti in modo verticale ti rendi conto che prima ti sei sempre fatto mancare qualcosa.
Impari a dire più no che sì.
Tagli i rami secchi.
E vai a fondo, prima di tutto in te stessa.

A chi mi guarda con occhio alieno quando rispondo che no grazie, non tradisco, a chi è convinto che “state insime da poco tempo, prima o poi capiterà anche a voi, ma non c’è niente di male  rispondo che no, non è cool essere aperti al tradimento senza motivi, alla leggerezza dei sentimenti e all’inconsistenza dei legami.

E’ solo essere ancora immaturi e un po' troppo fragili.

19 commenti:

  1. Bei pensieri, belle riflessioni!

    RispondiElimina
  2. Non ci avevo mai riflettuto come hai fatto tu ma anche io sono una fedele, forse solo perché so che se tradissi lo ferirei nel profondo e lo amo troppo per farlo. Il per sempre mi terrorizza da sempre, ora che, sei mesi fa ed a 60 anni, mio padre se ne è andato di casa ancora di più, però credo che il meglio del rapporto si scopra solo avendo il coraggio di investire nello stesso tutto noi stessi, in esclusiva....non condividendo.
    E poi odio la superficialità, in amore come altrove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il tuo commento, io penso che prima di ferire l'altro ferirei me stessa.
      Poi certo se l'amore finisse e le cose non dovessero più andare bene preferirei una separazione a una finta convivenza.

      Elimina
  3. io non ho mai tradito,è una cosa che non vorrei mi facessero mai e di conseguenza non la faccio
    tr3ndygirl.com
    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Bellissimo questo articolo, direi che la maturità fa' la differenza nella vita di coppia, hai centrato in pieno ...
    NEW POST

    FACCIADASTILE

    Facebook

    RispondiElimina
  5. Bel post. Io ho tradito e sono stata tradita...più facile la via di fuga fuori di se! Brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì più facile, ma anche più effimera ;)

      Elimina
  6. Vero, anche io la penso così! :)

    RispondiElimina
  7. ho tradito e sono stata tradita ma come te prima pensav che non sarei mai riuscita a non tradire mai più..oggi solo il pensiero mi fa una fatica immensa....

    RispondiElimina
  8. Ottime riflessioni, grazie Elena!

    RispondiElimina
  9. E’ solo essere ancora immaturi e un pò troppo fragili. ... solo una piccola osservazione: è va con l'accento, po' con l'apostrofo, assolutamente no con l'accento :)

    RispondiElimina
  10. Di ste cose oramai parlo con il mio compagno ridendo e scherzando.
    Non mi ci vedo a tradire, perché è uno sbattimento. Lui pure, per la stessa ragione.
    Ah e ci amiamo, con un però: lui non mi vuol sposare (oddio manco io gli metto nessun ultimatum, sarebbe solo per il figliolo) perché -parole sue- dice "siamo come l'acqua di un fiume, non siamo mai gli stessi, cambiamo in continuazione", ovvero: io ti amo qui e adesso, non faccio promesse in qualcosa che non credo, cioè l'amore eterno puro senza interferenze.

    In passato quando qualcuno mi ha promesso l'amore eterno ho avuto paura.

    E visto come va il panorama intorno a noi con divorzi una via l'altro, mi tengo il mio compagno, sincero fino a far male, che illudermi di qualcosa che per noi, non esiste.

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...