Una cosa di cui voi maschi vi preoccupate, fin troppo secondo me, sono le dimensioni dei gioielli di famiglia.


La vostra autostima, le vostre possibilità di trovare lavoro, fare carriera, ridurre il colosterolo e riscuotere in vecchiaia la pensione sono direttamente proporzionali alle dimensioni del vostro amico.
La maggior parte di voi, dalla pubertà in poi, misura la personale virilità a suon di centimetri e righello affondato, ai limiti del sanguinamento, nell’inguine.


Io, superati i trent’anni, qualche fidanzato e altrettanti incontri ravvicinati del terzo tipo, sono una sostenitrice più del come si usa che del resto.
Perché l’effetto di un superdotato incapace è lo stesso di una ragazza bellissima, ma completamente balbuziente. E pure un po’ zoppa.

Sappiate che donne hanno bisogno di tante cose per essere felici, non solo delle tacche del vostro righello.
Iniziamo quindi con le basi.
-       Preliminari.Dei preliminari, gli uomini, iniziano a capirne l’importanza dopo i trenta, trentacinque anni. Chissà perché. 
      Dedicatevi a questi benedetti preliminari.
      Un rapporto senza preliminari è come il cibo in scatola, ogni tanto quando non si ha molto tempo si può fare, ma se diventa la regola è una gran tristezza.
      Maschi non siate distratti, non state facendo i grattini al vostro gatto mentre guardate la partita. Dedicatevi.
      Prendetevi del tempo, tanto tempo. 
-       Il clitoride è lì ed è anche abbastanza evidente.
      Non girateci intorno, non cincischiate.
      Stringete amicizia con lui.
      Non si usa come un fischietto e neppure come il gratta e vinci.
      Chiedete (e sarebbe ora che le donne rispondessero la verità senza sentirsi in dovere di compiacere sempre lui).
      Vi darà grandi soddisfazioni, molto più del righello (vedi sopra).
-       La durata le maratone del sesso anche no.
      Non siete alle olimpiadi, non dovete battere nessun record in durata. Se ormai è risaputo che un rapporto troppo breve – una sveltina insomma – è gradita ogni tanto, anche una durata che rischia di generare un processo di combustione per sfregamento anche no.
      Una volta uno mi ha detto “io posso durare quanto voglio, anche dodici ore.”
      A me era sembrata quasi una minaccia.

-   Fateci sentire meravigliose. Non immaginate quanto questo sia eccitante.